Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nella notte tra sabato e domenica scorsi qualcuno fatto irruzione nei locali del Centro di Accoglienza Padre Nostro fondato dal beato don Pino Puglisi a Brancaccio a Palermo sfondando con un masso il vetro della porta secondaria che si affaccia su di un piccolo cortile che da sette anni ospita il presepe. “Un brutto segnale, che certamente non farà intimorire le centinaia di volontari, operatori e soci che animano da 28 anni il Centro di accoglienza Padre Nostro” ha spiegato il presidente Maurizio Artale. “Ma - ha continuato - certamente un gesto che sa di sfida e che vuole dimostrare che, quando vogliono, agiscono in maniera indisturbata, complici la solita indifferenza o omertà di chi sente, vede e non parla". "Noi manterremo sempre lo stesso atteggiamento che ci ha insegnato il Beato Giuseppe Puglisi - aggiunge - come coloro che non si sentono mai arrivati al capolinea, ma che devono sempre continuare il loro cammino per essere esempio solido e concreto di quanti cercano la strada per la legalità, giustizia e 'conversione di vita'. Siamo certi che le Istituzioni, in primis le forze dell'ordine, questa volta sapranno assicurare alla giustizia questi malviventi, perché non restino esempio di impunità in un quartiere come Brancaccio".

ARTICOLI CORRELATI

Don Pino Puglisi, il prete che sorrideva ai suoi assassini

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy