Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Le parole del direttore della Dia al Quirinale in occasione dei 30 anni dell’organismo investigativo

"Oggi le mafie utilizzano di meno le armi e gli esplosivi e preferiscono mettere i loro capitali nei circuiti finanziari sia illeciti sia legali. Negli ultimi anni, a fronte di una forte riduzione degli omicidi di mafia si sono moltiplicati i reati di riciclaggio, di turbativa delle aste, le segnalazioni di operazioni sospette connesse alla criminalità organizzata con l'inaccettabile conseguenza di sottrarre ricchezza al Paese, turbare l'economia legale, le sue regole e il suo governo. Eppure il garbo criminale delle MAFIE non può far dimenticare che armi ed esplosivi sono sempre lì, pronti a essere utilizzati laddove ritenuto necessario o anche solo utile". A dirlo, ieri, è stato il direttore della Dia Maurizio Vallone, nel corso della cerimonia al Quirinale per il trentesimo anniversario dell'istituzione della Direzione investigativa antimafia.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy