Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Inchiesta aperta dopo esposto della Marogna al Copasir

Il Dis ascolterà Cecilia Marogna, la manager cagliaritana imputata insieme ad altri 9 tra laici e religiosi, tra cui l'ex sostituto della Segreteria di Stato Angelo Becciu, nel maxi-processo partito dallo scandalo del palazzo di Londra che si aprirà in Vaticano il 27 luglio prossimo. A riportare la notizia è l'Adnkronos secondo cui il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza ha infatti aperto un'inchiesta interna, in seguito all'esposto presentato dalla Marogna al Copasir il 12 maggio scorso e inerente l'attività di intelligence da lei svolta in esecuzione dell'incarico conferitole da Becciu, per conto della Segreteria di Stato Vaticana a partire dal 17 novembre 2017. E ora, con una lettera a firma del direttore generale del Dipartimento la Dottoressa Elisabetta Belloni, che l'Adnkronos ha potuto visionare, il Dis ha chiesto alla manager di acconsentire ad essere ascoltata dai propri ispettori negli uffici di piazza Dante. La manager ha già dato la sua disponibilità, ma condizionandola.
Secondo l'agenzia la Marogna, si direbbe pronta ad "essere escussa dai Vostri ispettori allor quando meglio riterrete, ma solo ed unitamente al mio procuratore costituito in atti, nonché coordinatore del mio collegio difensivo", l'esperto di diritto internazionale Riccardo Sindoca, che, spiega, "è l'unica persona a conoscenza di tutti e quanti sono i fatti occorsimi e del mio operato tutto", tanto che "nel caso in cui mi accadesse qualsivoglia, lo Stesso potrà riferire in mia vece, quanto di sua conoscenza e pertinenza". Al centro dell'esposto della Marogna una serie di doglianze relative a passaggi di dichiarazioni di Francesca Immacolata Chaouqui nella trasmissione Report del 12 aprile 2021, e di altre circostanze emerse proprio in una puntata di Report oltre che, scrive la Marogna, di "illecite acquisizioni informative in suo danno da parte di appartenenti a organismi di informazione e sicurezza".

In foto: Cecilia Marogna e Angelo Becciu © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Cardinale Becciu a processo grazie alle regole di Papa Francesco

Caso Becciu: il cardinale verso il rinvio a giudizio

I misteri di lady Becciu e un fiume di soldi spariti

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy