Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L’intervista al fratello del giudice Paolo Borsellino


Erano gli anni delle stragi mafiose, poco prima fu ucciso, a Capaci, Giovanni Falcone con la moglie Francesca Morvillo e la scorta con la stessa tecnica, che insieme con Paolo Borsellino e molti altri in quegli anni avevano dichiarato guerra alle cosche mafiose. Erano gli anni della Trattativa Stato-Mafia, a cui Falcone e Borsellino erano fortemente contrari. Anche stavolta quasi 30 anni senza verità e soprattutto senza giustizia. Da allora una lunga battaglia di Salvatore Borsellino e di tutta la famiglia per scoprire la verità che però ancora sembra lontana. Tanti depistaggi e falsità si sono succeduti in questi anni. Che coinvolgimento ebbero i servizi segreti nella strage di Paolo Borsellino e della sua scorta? Cosa accadde al Castello Utveggio sul Monte Pellegrino? Che fine ha fatto la borsa di Borsellino con dentro l'agenda rossa? Chi spingeva per la Trattativa Stato-Mafia? Cosa è rimasto oggi di Paolo Borsellino e degli altri a Palermo ma non solo? Perchè l'arma per vincere la mafia sono i giovani? Questi e molti altri gli aspetti e le domande affrontate durante questa intervista.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy