Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ammonta a circa 5,2 miliardi di euro la scalata della 'impresa criminale' sull'onda dell'emergenza Covid. La stima delle infiltrazioni delle mafie nell'economia sana è emersa dalla relazione del Comitato sulle "attività predatorie" nell'anno della pandemia, come scrive oggi il redattore Ivan Cimmarusti sul Sole 24 ore. "Presunte speculazioni compiute nel 2020 che hanno lasciato una traccia nei data-base dell'Unità di informazione finanziaria (Uif) di Bankitalia", si legge nell'articolo.
"Sono gli esiti della prima indagine parlamentare sugli effetti economici della pandemia ad attivare un alert sugli interessi mafiosi che sfruttano il tracollo economico dovuto alla pandemia per impadronirsi di ampie fette di mercato", scrive il Sole 24 ore. Un documento messo a punto dal 'XX Comitato per la prevenzione e la repressione delle attività predatorie della criminalità organizzata durante l'emergenza sanitaria', coordinato dal deputato Pd e componente della Commissione Antimafia Paolo Lattanzio, "ora chiarisce tutte le criticità del 'sistema' di prevenzione e si prepara a fare proposte concrete al Governo Draghi per incrementare la tracciabilità finanziaria", scrive Cimmarusti.
Già in passato, del resto, erano stati messi in evidenza i rischi di manovre speculative dietro la fornitura di servizi legati all’emergenza Covid-19, infiltrazioni nelle Piccole e medie imprese provate dal lockdown, in un contesto di vulnerabilità finanziaria.
Adesso, spiega il Sole 24 ore, l'organismo antiriciclaggio della Banca d'Italia "ha anche rilevato un forte inserimento della criminalità organizzata mafiosa nelle operazioni imprenditoriali connesse alla pandemia: in 341 sos Covi, infatti, sono risultati coinvolti soggetti presenti nel data-base della Direzione nazionale antimafia e indicati come 'potenzialmente collegati ad associazioni mafiose'. Si tratta delle cosiddette 'teste di legno', i reinvestitori dei clan. Quest'ultimo, in particolare, rappresenta un aspetto di non poco conto, considerato che secondo la stessa Banca d'Italia sono 32mila le realtà industriali che versano in sofferenza. Il rischio che le mafie possano riciclare denaro sporco acquistando imprese in crisi è attuale e concreto".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy