Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Si è conclusa con la richiesta di condanna per otto persone la requisitoria dei pubblici ministeri Vito Di Giorgio, Fabrizio Monaco e Antonio Carchietti nel processo con il rito abbreviato, per uno stralcio dell'operazione "Nebrodi".
L'inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Messina era scattata a gennaio 2020 e ha acceso i riflettori su un sistema di truffe all'Agea su cui ruotavano gli interessi dei clan mafiosi tortoriciani.
In particolare i pm hanno chiesto al gup Simona Finocchiaro una condanna per Giuseppe Bontempo (classe 1964) chiesti 12 anni, per Sebastiano Bontempo (classe 1969) 20 anni, per Samuele Conti Mica 6 anni, per Giorgio Marchese 5 anni e 2 mesi e per Antonino Pecoraro 6 anni e 8 mesi. Chiesti inoltre 2 anni in continuazione per Carmelo Barbagiovanni, 1 anno e 9 mesi ciascuno per Giuseppe Marino Gammazza e Salvatore Costanzo Zammataro, collaboratori di giustizia. Il processo prosegue per gli interventi della difesa. L'udienza preliminare della maxi operazione "Nebrodi" che inizialmente contava 133 indagati, lo scorso 18 dicembre si era conclusa con 97 rinvii a giudizio e diversi stralci con atti inviati a Catania per competenza territoriale. In pochi hanno scelto i riti alternativi, in quattro hanno patteggiato mentre altri otto stanno procedendo con il rito abbreviato.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy