Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La confederazione elvetica "costituisce una piattaforma logistica ideale per le organizzazioni italiane di stampo mafioso". A dirlo è l'Ufficio federale elvetico di polizia (Fedpol), secondo cui il problema non riguarda solo le zone di confine come Ticino, Grigioni e Vallese, ma tutto il territorio elvetico. Il numero dei membri attivi in Svizzera non è noto, scriveva Fedpol nel suo ultimo rapporto annuale pubblicato lo scorso aprile. Le autorità sono a conoscenza di un centinaio di individui, per la maggior parte affiliati alla 'Ndrangheta, ma anche a Cosa Nostra e alla Camorra. Potrebbero però essere molti di più. "Fate attenzione, dopo il denaro dei mafiosi, arriveranno anche loro": questo avvertimento di Giovanni Falcone, il procuratore ucciso da Cosa Nostra a Capaci (Sicilia) nel 1992, sembra ormai essersi avverato. Secondo stime delle autorità antimafia italiane e di esperti di criminalità organizzata, sarebbero almeno una ventina le cellule mafiose attive nella Confederazione, cui fanno capo circa 400 persone. La cifra, confermata lo scorso luglio proprio da Fedpol, potrebbe comunque essere inferiore rispetto ai numeri reali. Tra i casi più discussi, negli ultimi anni, figura la cellula di Frauenfeld, in Turgovia: nel 2016 le indagini della Divisione distrettuale antimafia di Reggio Calabria - nell'operazione "Helvetia" - avevano individuato una cellula della 'Ndrangheta costituita 40 anni prima nel capoluogo turgoviese, collegata alle cosche calabresi. La scorsa estate - il 21 luglio - aveva invece suscitato clamore la vasta operazione antimafia organizzata dalle autorità svizzere - sulla base di un procedimento penale condotto dal Ministero pubblico della Confederazione - assieme a quelle italiane. Obiettivo: un clan 'ndranghetistico, con arresti e perquisizioni eseguite nei cantoni Ticino, Argovia, Soletta e Zugo. In Svizzera, una persona è stata arrestata, mentre gli inquirenti hanno messo le mani su armi, munizioni e denaro contante. Secondo Fedpol, le organizzazioni di stampo mafioso in Svizzera, oltre a dedicarsi al traffico di stupefacenti e armi, "si servono della piazza finanziaria elvetica per riciclare denaro e reinvestire i proventi dei reati commessi perlopiù in Italia, nel settore immobiliare, nella ristorazione o in altre attività minori".
Dal rapporto dell'Ufficio federale di polizia emerge che dal 2018 sono già stati disposti 15 divieti di entrata - che può essere ordinata anche in assenza di una precedente condanna - nei confronti di individui sospettati di appartenere a organizzazioni di stampo mafioso e di rappresentare una minaccia per la sicurezza interna ed esterna della Svizzera. Nel 2019 Fedpol ha inoltre pronunciato due espulsioni. Il divieto di entrata o l'espulsione sono misure di diritto amministrativo e di per sé, secondo Fedpol, "non sono in grado di sradicare le organizzazioni mafiose in Svizzera, ma possono complicare loro la vita e limitarne l'espansione nel territorio svizzero".

Foto © Keystone/Lukas Lehmann

Video

  • All
  • Agende Rosse
  • Cosa Nostra
  • Gaspare Mutolo
  • Joe Biden
  • Operazione Domino
  • USA
  • Video

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy