Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
L'ex magistrato romano: "Mai venduto la mia funzione"
Il presidente Poniz: "Buon risultato, l' Anm a cui pensa Palamara non esiste più"

Luca Palamara è stato definitivamente espulso dall'ANM per gravi violazioni del codice etico. A darne conferma è la stessa Associazione nazionale magistrati di cui è stato presidente. L'assemblea generale degli iscritti al sindacato delle toghe, riunita a ranghi ridottissimi (un centinaio i presenti a fronte di 7mila soci) ha confermato il provvedimento del 20 giugno scorso del Comitato direttivo centrale dell'Anm, bocciando il ricorso del magistrato romano sospeso dalle funzioni e dallo stipendio e imputato a Perugia per corruzione. Solo 1 voto a favore del ricorso. "L'Anm a cui pensa Luca Palamara non esiste più e questo è un buon risultato", ha detto il presidente del sindacato delle toghe Luca Poniz al termine degli interventi all'assemblea generale dei magistrati, che si deve pronunciare sul ricorso dell'ex pm romano contro la sua espulsione. Il riferimento è a un'intercettazione in cui Palamara diceva che l'Anm non conta più nulla. "Se intendeva dire che dopo di lui l'Anm svolge un altro ruolo, non di autocollocazione, sono contento", ha aggiunto Poniz, rivendicando all'attuale gruppo dirigente il fatto di essere intervenuto su questa vicenda "senza reticenze e paura". Il comunicato di espulsione è stato commentato da Palamara che ha affermato: "Da magistrato e da cittadino che crede profondamente nel valore della giustizia equa ed imparziale ribadisco che le decisioni devono essere rispettate. Con altrettanta forza ribadisco di non aver mai barattato la mia funzione. Auguro buon lavoro all'Anm nell'auspicio che torni ad essere la casa di tutti i magistrati". L'ex pubblico ministero romano è stato ascoltato in mattinata dall'assemblea dei magistrati iscritti all'Anm sul ricorso che ha presentato contro la sua espulsione dal sindacato delle toghe. "La mia funzione non l'ho venduta né a Lotti, né a Centofanti né a nessuno", ha precisato subito il magistrato. "Chiedo di essere giudicato serenamente", ha proseguito, parlando all'assemblea dell'Anm. "Sono qui perché penso che prima vengano gli interessi di tutti, della magistratura, dei colleghi che mio malgrado sono stati travolti", ha dichiarato assicurando di non aver mai voluto sottrarsi al giudizio dell'Anm e ai processi. "Il confronto con la politica sulle nomine è sempre esistito", ha sottolineato il magistrato intervenendo anche sulla famosa riunione all'Hotel Champagne per la nomina del Procuratore di Roma: "Non era un incontro clandestino", ha detto.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Palamara, quando a dare fastidio erano Di Matteo e il pool stragi

Lettera aperta al magistrato Luca Palamara

Ingroia su caso Palamara e caos nomine: ''Un bagno di disonore. Ma non si può essere sorpresi''

Video

  • All
  • 'Ndrangheta
  • Antonio Ingroia
  • Camorra
  • Clan Pesce
  • Cosa Nostra
  • Gioco D'azzardo
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy