Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Il braccio destro dei Leonardi preso da un attacco d’asma durante l’interrogatorio

Non ha aperto bocca Antonino Leonardi, il re dei rifiuti, proprietario della discarica più grande della Sicilia, davanti al Gip di Catania Stefano Montoneri. L’uomo, difeso dagli avvocati Carmelo Peluso e Luigi Latino, si è avvalso dalla facoltà di non rispondere. E’ stato arrestato qualche giorno fa con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione e traffico di Rifiuti, nell'operazione "Mazzetta sicula". I suoi legali hanno annunciato che nelle prossime settimane valuteranno chiedere un nuovo interrogatorio e nel frattempo faranno istanza al Tribunale della libertà per chiedere una misura alternativa al carcere.
Il braccio destro dei Leonardi, Filadelfo 'Delfo' Amarindo, ha pronunciato il suo nome durante l’interrogatorio e dopo poco è stato preso da un attacco d’asma, cadendo a terra. Amarindo è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, difeso dall'avvocato Francesco Calderone. L’uomo è stato soccorso e poi ricoverato in infermeria nel carcere di Bicocca e il giudice delle indagini preliminari Stefano Monteneri ha rinviato a lunedì mattina l'interrogatorio di garanzia. Tra le accuse cui deve rispondere Delfo Amarindo anche l'occultamento di un picciotto della mafia lentinese, Santo Gallo, sparito nel nulla nel 2002. Sarebbe stato il tramite tra gli imprenditori e il clan Nardo di Lentini. Ad alzare il velo sul caso di lupara bianca di Santo Gallo, giovane 'soldato' lentinese, assassinato nell'ambito di una faida interna al clan Nardo, è stato il collaboratore di giustizia Alfio Ruggeri, di 45 anni. Sentito dai magistrati della Dda di Catania il pentito si è autoaccusato del delitto, ma ha anche indicato la discarica di Lentini quale luogo dell'occultamento del cadavere di Gallo e in Delfo Amarindo colui che permise l'ingresso del gruppo di fuoco che assassinò dentro la discarica il giovane, poi fatto sparire tra i cumuli di spazzatura.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Rifiuti e mazzette, blitz della Guardia di Finanza nella più grande discarica siciliana

Video

  • All
  • 'Ndrangheta
  • Antonio Ingroia
  • Camorra
  • Clan Pesce
  • Cosa Nostra
  • Gioco D'azzardo
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy