Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Registrato “progressivo intensificarsi di spaccio e condotte predatorie”
“Sfruttare anche gli strumenti tecnologici come contromisura”

Sulle scrivanie di tutti i questori d’Italia è arrivata questa mattina una circolare firmata dal direttore della Direzione centrale Anticrimine del ministero dell'Interno Francesco Messina, dove sono elencate tutta una serie di avvertenze e disposizioni per prepararsi a fronteggiare al meglio i rischi di infiltrazione della criminalità comune e organizzata nella fase economica post pandemica. Al centro della circolare "le linee strategiche e operative" si parla dell’incremento di spaccio di stupefacenti, furti e rapine nei negozi e nelle banche. Così come del rischio di reclutamento di nuove leve tra le fila della criminalità organizzata, quindi delle contromisure da attivare quanto prima per far fronte a tutti questi scenari.

Contromisure e prevenzione
Occorre "pianificare e adottare urgentemente, nell'ambito dei previsti dispositivi di controllo del territorio, flessibili e aggiornate iniziative di prevenzione e di visibilità utili a modulare, in relazione agli specifici contesti territoriali, adeguate contromisure idonee a fronteggiare i delineati scenari avvalendosi di tutti gli strumenti tecnologici disponibili (in sala operativa e sui veicoli)”. Nella circolare viene evidenziata anche la necessità di "valorizzare gli strumenti fruibili grazie al Protocollo quadro per la legalità e la sicurezza delle imprese (stipulato tra il Ministero dell'Interno, Confcommercio-Imprese per l'Italia e Confesercenti Nazionale in materia di video allarme antirapina)" e di "sfruttare al meglio l'architettura della videosorveglianza fissa, costituita dalle videocamere cittadine, e di quella mobile, grazie al sistema Mercurio". Tra le altre indicazioni, vi è l'opportunità di "incentivare ulteriormente la tradizionale collaborazione con i cittadini" favorendo, ove possibile, "nuove modalità realizzative della cosiddetta 'polizia di prossimità'". Di grande importante è altresì l'iniziativa già avviata con "l'app Youpol, al fine di mantenere inalterato, nonostante le attuali restrizioni, il rapporto fiduciario costruito con la cittadinanza". Particolare attenzione dovrà essere posta all'evoluzione delle "criticità socio-economiche, individuare i settori particolarmente esposti o 'sensibili' alla infiltrazione criminale, nonché i risultati conseguiti nell'azione di contrasto". "Dovranno, a tale scopo, essere intensificati, in fase info-investigativa, i contatti diretti con le associazioni di categoria operanti sul territorio (Confindustria, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato) al fine di potenziare il monitoraggio dei casi di default economico nonché individuare aree sensibili di intervento investigativo, con particolare riferimento all'impatto dell'emergenza sanitaria sulla situazione economica e finanziaria delle piccole e medie imprese", si legge ancora in un passaggio della circolare.

“Scenario ha creato maggiore spazio di agibilità per la criminalità”
Nella circolare firmata da Messina viene inoltre fatto presente che “le misure emanate per contenere l'attuale emergenza epidemiologica hanno comportato straordinarie restrizioni alla mobilità dei cittadini con inevitabili ricadute sulle attività sociali ed economiche delle comunità”. Questo scenario, si legge, “imprevedibile sino a qualche settimana addietro, costituisce un inaspettato spazio di agibilità per le varie forme di criminalità pronte ad approfittare delle prescritte misure di distanziamento sociale e della conseguente rarefazione delle attività pubbliche per raggiungere finalità illecite". Nel documento si osserva inoltre che "il rallentamento dell'economia del Paese, colpendo maggiormente i soggetti privi di reddito stabile o dediti ad attività saltuarie, oltre a innescare situazioni particolarmente critiche, di cui si sono già avute inequivocabili avvisaglie, potrebbe costituire per i sodalizi criminali strutturati terreno fertile al reclutamento di nuovi componenti".

“Progressivo intensificarsi spaccio e condotte predatorie”
In ultima analisi nella circolare viene notificato il progressivo “intensificarsi delle attività di spaccio di stupefacenti e delle condotte predatorie in danno di esercizi commerciali e istituti bancari non più presidiati per effetto della chiusura o di quelli che, rimanendo aperti in quanto rivenditori di generi di prima necessità (come le farmacie e i venditori di generi alimentari), costituiscono obiettivi particolarmente a rischio anche in relazione agli incassi raccolti a fine giornata (in orario notturno) e ai cosiddetti 'fondi cassa' giacenti".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy