Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
L’intervista del procuratore nazionale antimafia a Il Fatto Quotidiano: “La 'ndrangheta ha la capacità di attirare professionisti”

"Un numero così rilevante di arresti evidenzia quanto sia ampia la presenza mafiosa nel territorio calabrese e quanto sia difficile per i cittadini per bene non essere infangati, coinvolti e magari addirittura risucchiati nel vortice 'ndranghetista". Ha commentato così a Il Fatto Quotidiano il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, la maxi operazione “Rinascita-Scott” condotta dalla Dda di Catanzaro che ha inferto un duro colpo a tutta l’ala militare della cosca ‘ndranghetista Vibonese dei Mancuso e alle potenti alleanze nel mondo politico-imprenditoriale. La 'Ndrangheta, ha continuato de Raho, ha "la capacità di attirare professionisti, la componente che le ha permesso di fare un salto di qualità e di passare dalle cosche con regole quasi rudimentali, basate sui legami di sangue, a un'organizzazione che ha saputo esplodere nel mondo economico e ha saputo stringere rapporti anche con la politica". L’operazione, ha proseguito il magistrato, “dimostra, da una parte, qual è la forza di contrasto degli organismi di polizia giudiziaria sul territorio calabrese; dall'altra, l'ampiezza della presenza delle cosche in Calabria". De Raho si è soffermato nel corso dell’intervista anche sul rischio che nuovi sistemi di comunicazione, ad esempio le chat crittografate, possano in qualche modo tornare utili alle organizzazioni criminali. “Il pericolo è concreto. - ha affermato - Lo stiamo affrontando insieme, la Direzione nazionale antimafia, le polizie, i servizi di sicurezza. Perché i canali non intercettabili possono essere usati dalle organizzazioni mafiose, ma anche dai gruppi terroristici". "C'è un'iniziativa comune - ha aggiunto - anche delle Procure nazionali italiana, francese, olandese, tedesca, che hanno coinvolto il Parlamento europeo e la commissione parlamentare europea sulla Giustizia, per chiedere ai gestori di telefonia e di servizi internet la possibilità di controllo dei sistemi di comunicazione, per rendere possibili le intercettazioni quando richieste per motivi di mafia e terrorismo”, ha concluso.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta: minacce a pentito Macaluso, arrestate la mamma e la zia

Operazione ''Rinascita-Scott'': relazione diretta tra 'Ndrangheta e massoneria

Gratteri denuncia fughe di notizie: ''I boss sapevano, blitz anticipato di 24 ore''

'Ndrangheta, colpo alla cosca Mancuso: oltre 300 arresti in Italia e all'estero

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy