Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Le conversazioni intercettate tra Antonio Ribecco e il fratello Natale, arrestati ieri durante la maxi operazione “Infection”

A Crotone era pronto un attentato per il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri. A riportarlo in prima pagina il Corriere della Calabria. Il magistrato qualche anno fa sarebbe finito nel mirino dei clan di San Lorenzo di Cutro e Siderno ai quali la Dda coordinata da Gratteri aveva inferto un durissimo colpo con le operazioni “Borderland”, “Jonny” e per ultima “Malapianta”. Dalle indagini che hanno portato ieri alla maxi operazione denominata “Infection”, svolta dalla procura di Catanzaro e Reggio Calabria, è emersa una chiacchierata intercettata dagli inquirenti tra Antonio Ribecco, ritenuto il referente del boss Cosimo Commisso a Perugia dove è arrivato da Cutro, e suo fratello Natale (entrambi arrestati ieri) risalente a fine maggio del 2017. “Li piglia tutti - commentava Antonio riferendosi al lavoro di Gratteri - però… però quattro o cinque anni fa… l’hanno fallito”. E ancora, “stava andando a Crotone… per lui avevano trovato pure i cosi… o si sono spaventati…”. Natale Ribecco gli risponde “questo se non lo fermano li piglia tutti”. Dalle intercettazioni si evince anche che il magistrato è tenuto sotto osservazione dai clan. "E’ stato in America, le indagini sono partite da lì, dall'America .. per andare in Colombia ... ma perché li hanno presi a tutti di quelle zone di Reggio Calabria, tutti lui li ha fatti prendere ... Gratteri. E adesso è passato dalle parti di Crotone ... di Catanzaro".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Le mani della 'Ndrangheta sull'Umbria: 27 arresti tra cosche reggine e crotonesi

I boss di 'Ndrangheta: ''Se Gratteri continua così fa la fine di Falcone, è un morto che cammina''

'Ndrangheta, boss minaccia il pm Marisa Manzini. Gratteri: ''Toccati nervi scoperti''

L'isolamento in vita del pm Nicola Gratteri

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy