Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Aaron Pettinari
Questa mattina la V sezione penale del tribunale di Palermo, formato dai giudici Donatella Puleo (presidente) Ivana Vassallo e Paolo Magro, ha emesso sentenza di assoluzione "per non aver commesso il fatto" nei confronti dell'ex imprenditore Angelo Niceta, accusato di bancarotta fraudolenta perché presunto socio di fatto nel fallimento della società Onofrio Niceta snc.
Per la stessa accusa, nel marzo 2018, il gup di Palermo Wilma Mazzara aveva condannato il padre, Onofrio Niceta, a tre anni di reclusione.
La vicenda si inserisce all'interno di una serie di denunce e contro denunce in ambito familiare.
Secondo i pm avrebbe distratto beni dalla cassa aziendale, mentre il suo legale, l'avvocato Ugo Forello, è riuscito a dimostrare che il suo assistito avrebbe fatto di tutto per non far fallire la società impegnando circa 950 mila euro. La società poi fallita è divenuta motivo di conflitto per la famiglia Niceta. La società oggetto di conflitto è stata dichiarata fallita con sentenza emessa il 20 luglio 2012. Durante il processo durato circa 5 anni Michelangelo Niceta si era costituito parte civile e aveva chiesto un risarcimento danni.
Angelo Niceta, parlando con i magistrati della Procura di Palermo (tutt'oggi con la sua famiglia vive sotto protezione, ndr), aveva rivelato che lo zio Mario era in affari con il boss di Brancaccio, Giuseppe Guttadauro e che proprio i legami con Cosa nostra convinsero il padre a rompere con il fratello. Angelo Niceta aveva tirato in ballo anche i cugini Massimo, Piero e Olimpia che, dopo la morte del padre Mario, avevano ereditato il patrimonio finito sotto sequestro nel 2013.
Il patrimonio fu loro restituito nel dicembre 2017 su decisione della Corte d'appello di Palermo. Sul punto, respingendo la richiesta della Procura di blocco del dissequestro, era intervenuta anche la Corte d'appello per le Misure di prevenzione. Con quella decisione, oltre a restituire il "tesoro" milionario, i giudici dissero che le prove raccolte “non consentono di ritenere che il finanziamento da parte di Mario Niceta dell'inizio delle attività dei tre figli (Massimo, Piero e Olimpia, ndr) sia avvenuto con risorse derivanti da attività illecite”.

ARTICOLI CORRELATI

Angelo Niceta: "Sono vittima di un'estorsione di Stato"

Interrogazione parlamentare su Niceta, la replica dei familiari

Processo ad Angelo Niceta: grave la mancata autorizzazione alle riprese audiovisive

Il testimone Angelo Niceta: ''Ecco chi comanda veramente a Palermo e in Italia''

Processo Niceta, il focus sugli accertamenti fiscali: ''Nessuna verifica sul conto corrente dell'azienda''

Mafia: no dei giudici a sospensione dissequestro Niceta

Mafia: restituiti parte beni a commerciante Niceta

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy