Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Dichiarazioni spontanee dell’ex prefetto Francesca Cannizzo
di AMDuemila
“Ho conosciuto Silvana Saguto perché mi occupavo della sua sicurezza, visto che si trattava di un soggetto ad alto rischio essendo emerso dalle indagini un progetto di attentato nei suoi confronti. I rapporti tra noi, nati appunto in quella circostanza, poi si intensificarono". Sono queste le parole dell’ex prefetto di Palermo Francesca Cannizzo, imputata nel processo sul cosiddetto "Sistema Saguto", ascoltata oggi nel processo in corso a Caltanissetta per rendere delle dichiarazioni spontanee. Il processo ruota attorno alla gestione illecita della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo durante la presidenza di Silvana Saguto, magistrato accusato di corruzione e radiato dalla magistratura proprio a seguito dell'inchiesta. Secondo l'accusa, la ex presidente avrebbe gestito in modo clientelare le assegnazioni degli incarichi di amministratori giudiziari dando gli incarichi a persone del suo "cerchio magico" che, in cambio, le avrebbero fatto regali e favori. "La Saguto - ha proseguito - chiese, fra i tanti rappresentanti istituzionali, anche a me, se avevo qualche soggetto affidabile e di provata onestà da indicare per eventuali incarichi nelle varie amministrazioni giudiziarie e questo per evitare che soggetti inaffidabili potessero inserirsi nel circuito della gestione dei beni confiscati. E fu così che in una circostanza fu indicato il nome di Richard Scamacca". Scammacca era nipote dell'ex prefetto di Messina Stefano Scammacca. "Non ho mai avuto contatti con Scimeca, amministratore giudiziario, - ha aggiunto - al quale la Saguto si rivolse per valutare l'incarico a Scamacca che comunque non fu mai nominato”.
In totale sono quindici gli imputati nel processo. Sotto accusa, a vario titolo per corruzione, falso e abuso d'ufficio, oltre a Silvana Saguto, il padre del magistrato, Vittorio Saguto, il marito Lorenzo Caramma e il figlio Emanuele, gli amministratori giudiziari Gaetano Cappellano Seminara, Walter Virga, Aulo Gigante e Nicola Santangelo, il colonnello della Dia Rosolino Nasca, i docenti universitari Roberto Di Maria e Carmelo Provenzano, la moglie e la collaboratrice di Provenzano, Maria Ingrao e Calogera Manta, l'ex prefetto di Palermo Francesca Cannizzo, l'ex giudice della sezione misure di prevenzione Lorenzo Chiaramonte.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORREALTI

Mafia: Cassazione conferma, giudice Saguto via da magistratura

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy