Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

vassallo servizio leiene 20191015di AMDuemila - Video
Le Iene cercano di far luce sul caso del “sindaco pescatore”
Il fratello Dario Vassallo convocato in Commissione Antimafia

A distanza di nove anni è ancora ignoto l'esecutore, il mandante e il movente, ma qualcosa attorno al giallo del sindaco di Pollica Angelo Vassallo, freddato con 9 colpi di pistola la notte del 5 settembre 2010, sembra muoversi. L’ex pentito Francesco Casillo detto “A’ Vurzella”, che all'epoca del delitto trascorreva le vacanze nella turistica Acciaroli dove si ritiene avesse corrotto carabinieri a suon di denaro e regali costosi per non ostacolare i traffici della camorra, pare avesse accusato l’ex maresciallo Cioffi fornendo particolari interessanti sulla vicenda. I pm della Dda di Napoli, si apprende da un articolo de Il Fatto Quotidiano, che hanno chiesto e ottenuto l’arresto per connivenze col clan Fucito di Caivano dell’ex maresciallo del nucleo investigativo di Castello di Cisterna Lazzaro Cioffi (attualmente l’unico indagato e ancora in carcere), hanno trasmesso i verbali di Casillo ai colleghi di Salerno che indagano sull'omicidio, e che nell’estate 2018 avrebbero voluto interrogare Cioffi. Il carabiniere, difeso dall’avvocato Saverio Campana, ha deciso di non rispondere e di conseguenza il verbale si è subito chiuso, senza indicare le fonti di prova per l’iscrizione nel registro degli indagati. Casillo fu grande accusatore dei carabinieri anche per quanto riguarda la vicenda dei cosiddetti “militari infedeli”. Le Iene in una inchiesta di Giulio Golia e Francesca Di Stefano, del 10 ottobre scorso, hanno cercato di avvolgere il nastro e far luce su alcune ombre del caso Vassallo. Da quello che emerge sembrerebbe che la pista al momento più tangibile sia quella di un delitto maturato all’interno di un contesto di infedeltà di alcuni uomini dell’Arma. Intanto Dario Vassallo, fratello della vittima, sarà ascoltato dalla commissione parlamentare Antimafia dove interverrà sul tema delle infiltrazioni mafiosi nel salernitano. “Finalmente si apre uno spiraglio di luce sul lavoro che abbiamo condotto in questi nove anni e mezzo”, ha commentato Dario, che è presidente della fondazione ‘Angelo Vassallo, sindaco pescatore’.

Guarda la puntata: "Hanno sparato allo Stato": il giallo dell'omicidio Vassallo

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy