Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila - Video
Questa mattina la polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Palermo, con la collaborazione di operatori della divisione anticrimine della questura di Milano, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro beni di un milione di euro emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo nei confronti del palermitano Gaetano Fontana, figlio del boss defunto Stefano, che già in passato ha scontato una condanna per mafia. Infatti è stato il reggente del clan che fu del padre e con i soldi del pizzo, secondo gli inquirenti, avrebbe investito a Milano. Con questo provvedimento sono stati sequestrati orologi di lusso, gioielli e pietre preziose. Gaetano Fontana sottoposto alla misura della sorveglianza speciale aveva aperto una gioielleria in via Felice Cavallotti nel quadrilatero della moda. Il questore di Palermo Renato Cortese aveva disposto già un primo sequestro beni. Questo nuovo sequestro è scattato dopo le perquisizioni eseguite dai militari del nucleo di polizia economico e finanziaria della guardia di finanza nelle abitazioni di Gaetano Fontana e dei fratelli Angelo e Rita nell'ambito dell'operazione "Coffee Break", coordinata dalla Dda di Palermo. Beni che Fontana aveva tentato di nascondere per investirli in altre attività. L'impresa, inoltre, pochi giorni prima del sequestro, era stata colpita anche da un provvedimento interdittivo antimafia disposto dal prefetto di Milano.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy