Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Ex dirigente Asp accusato di essere prestanome boss

I giudici delle misure di prevenzione hanno compiuto una "errata valutazione della prova e una errata applicazione ed interpretazione della legge penale". E' la valutazione della Procura di Palermo che ha impugnato la decisione con cui la sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo ha respinto la proposta di confisca del patrimonio del veterinario ed ex dirigente dell'Asp di Palermo Paolo Giambruno, accusato di essere un prestanome del capomafia di Carini Salvatore Cataldo. Un provvedimento in cui i giudici hanno negato contatti tra Giambruno e la Mafia e hanno restituito agli eredi dell'indagato - nel frattempo deceduto - i beni sequestrati.
A presente il ricorso è stato il pm Gery Ferrara, che nel documento ricorda come Giambruno fu rinviato a giudizio per reati "connessi ad attività economiche infiltrate dalla presenza mafiosa". "Ciò - scrive il pm - rende intrinsecamente contraddittorie e inopportune le valutazioni del Tribunale di Prevenzione che ripetutamente, basandosi su elementi probatori la cui valutazione non rientra nella propria competenza e andando ben oltre l'ambito di valutazione ad esso spettante, arriva addirittura ad affermare la mancanza di rilievo penale di condotte, per le quali vi è attualmente in corso un processo penale e su cui un altro organo giudicante ha espresso la sussistenza di elementi idonei a sostenere l'accusa in giudizio". "Non si capisce - prosegue la Procura - come l'organo giudicante abbia potuto ritenere la mancanza di pericolosità sociale a fronte degli elementi che inspiegabilmente, vengono continuamente minimizzati nel provvedimento impugnato. Le condotte criminali in contestazione sono estremamente complesse e articolate e indicative della esistenza di un vero e proprio sistema di consolidato clientelismo, capace d'influenzare in maniera determinante scelte amministrative e allocazione di risorse economiche nonché di accaparramento illecito delle stesse da parte di soggetti appartenenti alla pubblica amministrazione, primo fra tutti Giambruno".

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy