Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Il ministero degli Interni, tramite l'Ucis, "sta valutando le condizioni di rischio" dell'ex pm Antonio Ingroia che, nonostante la disposizione del Consiglio di Stato, resta ancora senza scorta. E' il Fatto Quotidiano a dare notizia della nota ricevuta dal difensore di Ingroia che sollecita, come previsto dall'ordinanza, il ripristino della scorta perché nei confronti dell’ex magistrato “non può escludersi il compimento di azioni criminose”. Dodici giorni dopo la pronuncia amministrativa, dunque, si è tornati punto e d'accapo. "Sono stupito e disorientato - ha dichiarato Ingroia al Fatto - apprendo oggi, anniversario della strage di Capaci, che il ministero dell’Interno interpreta diversamente la decisione del consiglio di Stato ritenendo che deve solo 'rivalutare' e non invece ripristinare la scorta così come disposto dal Consiglio di Stato che aveva deciso l sospensione della revoca". Ingroia si è dunque chiesto: "Ma questo è sempre lo stesso Stato per il quale da uomo dello Stato ho sfidato la mafia e i poteri occulti alla stessa legati? E per cui ho rischiato la mia vita?". Una domanda assolutamente lecita tenuto conto non solo della storia del passato ma anche quella più recente che ha visto il magistrato subire, nel novembre 2018, anche uno strano furto all'interno della propria abitazione a Roma. Da quanto è stato reso noto vennero sottratte alcune pen drive al cui interno vi erano atti processuali del periodo in cui era magistrato e di quelli attuali da avvocato; ma anche appunti e considerazioni personali su inchieste delicate. E su quei fatti, ad oggi, non è ancora stata fatta luce.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Ladri ''professionisti'' in casa di Antonio Ingroia

Ridate la scorta ad Antonio Ingroia

Il Consiglio di Stato dà ragione ad Ingroia: ''Sia ripristinata la scorta''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy