Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Nei giorni scorsi l'Aula della Camera ha approvato l'istituzione di una Commissione monocamerale di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni. In favore del varo della Commissione hanno votato tutti i gruppi tranne Fi che si è astenuta, dopo la bocciatura di un proprio emendamento. I sì sono stati 379, gli astenuti 54. Un lungo applauso dell'aula ha salutato l'approvazione. La Commissione, composta da 20 deputati, avrà il compito di "raccogliere tutti gli elementi utili per l'identificazione dei responsabili della morte di Giulio Regeni nonché delle circostanze del suo assassinio". Sulla definizione dei compiti ci sono state varie riscritture del testo: la proposta di Leu affermava che esso consisteva nell'"accertare le responsabilità relative alla morte di Giulio Regeni nonché i moventi e le circostanze del suo assassinio"; poi il testo portato in Aula parlava di "chiarire le responsabilità e le circostanze che hanno portato alla morte di Giulio Regeni"; in Aula è stato approvato un emendamento di Forza Italia (prima firma Pierantonio Zanettin) con la dicitura definitiva. Respinto invece un altro emendamento di Fi che esplicitava tra i compiti quello di indagare anche "le possibili connessioni" tra la morte del ricercatore italiano "con l'attività di ricerca in ambito accademico effettuata dallo stesso". La bocciatura dell'emendamento ha spinto Forza Italia ad astenersi nel voto finale. La Commissione di inchiesta in ogni caso dovrà "verificare fatti, atti e condotte commissive e omissive che abbiano costituito o costituiscano ostacolo, ritardo o difficoltà per l'accertamento giurisdizionale delle responsabilità relative alla morte di Giulio Regeni, anche al fine di valutare eventuali iniziative normative per superare, nel caso di specie e per il futuro, simili impedimenti, nonché per incrementare i livelli di protezione delle persone impegnate in progetti di studio e di ricerca all'estero, in funzione di prevenzione dei rischi per la loro sicurezza e incolumità”. La Commissione, che avrà gli stessi poteri della magistratura dovrà concludere entro 12 mesi la propria inchiesta, con una relazione, ma essa potrà riferire alla Camera "anche nel corso dei propri lavori, ove ne ravvisi la necessità o l'opportunità".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Noi, genitori di Giulio Regeni, senza verità da 32 mesi

Caso Regeni, dopo tre anni ancora nessun risposta

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy