Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

cutro ignazio bn c giuseppe cutrodi AMDuemila
"Vivere sotto scorta come una gabbia"

Cosa significa vivere sotto scorta? Il testimone di giustizia Ignazio Cutrò, tramite social, lo spiega chiaramente per poi lanciare un appello a tutti i siciliani di ribellarsi alle mafie, perché "solo così non ci sarà più bisogno di gabbie invisibili per semplici cittadini che hanno fatto il loro dovere". Al momento, infatti, la denuncia rappresenta più un fatto eccezionale che la regola.
Sono nato nel 1967 in un paese libero - scrive Cutrà - cresciuto nel mio paese Bivona fra i miei amici e l’affetto della mia famiglia; una vita fatta di lavoro, sacrifici, e anche di soddisfazioni. Tutto andava bene fino al settembre 2008… Perché questa data? Lì persi la mia vita… I miei familiari persero la loro serenità! Voi vi chiedete cosa voglio dirvi? Ecco, vi spiego… per alcuni essere sotto scorta è uno status symbol…credo che sia un modo di vanto… Non è così! Voi sapete cosa significa per una persona normale vivere sotto scorta? Tua figlia diventa maggiorenne, felice che prende la patente e guida solo per quel giorno degli esami… e poi non più, perché e sotto scorta”. Quindi continua: "Tua moglie deve fare una cosa normalissima quella di fare la spesa, ma con due angeli che la seguono. Cosa significa Essere sotto scorta per una persona normale ve lo spiego in parole spicciole significa entrare in coma farmacologico… Non vivi più! Solo perché alcuni pezzi di merda hanno deciso di ucciderti! E perché la maggioranza dei tuoi concittadini ti abbandonano al tuo destino… Magari la sera sogni in quel periodo che sei libero, esci con la tua famiglia a mangiarti una pizza, un gelato, vai al mare… ti vai a prendere un caffè con gli amici. Ecco cosa significa essere sotto scorta non hai più una vita”. Ed infine conclude: "Io e la mia famiglia da quel coma siamo usciti il 9.4.2018; è bello ritornare a VIVERE! Essere liberi… Anche se il prezzo che dovrò pagare sarà la mia stessa vita! Meglio vivere da uomini! Uomini liberi, non vivere più una vita con una gabbia di ferro invisibile. Cari miei concittadini siciliani denunciate i pezzi di merda di mafiosi, ribellatevi alle mafie e non ci sarà più bisogno di gabbie invisibili per semplici cittadini che hanno fatto solo il loro dovere… e diventano cosa eccezionale solo per aver fatto il dovere da cittadino che dovrebbe essere normalità! In culo alla mafia!”.

ARTICOLI CORRELATI

Ignazio Cutrò: ''Non ci arrendiamo, non mi pento della scelta fatta''

''Ignazio Cutrò un esempio per tutti i Siciliani Onesti''

Cutrò: ''Senza protezione io e la mia famiglia viviamo in uno stato di tensione''

Cutrò: ''I boss che mi volevano morto sono al 41 bis ma la mia famiglia non viene protetta''

Intercettazione shock su Cutrò: ''Appena lo Stato si stanca che gli toglie la scorta poi vedi''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy