Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Imagoeconomica 1154828di AMDuemila - Foto
A Montecitorio la proiezione “Sulla mia pelle”. “Verità non fa male alle forze dell'ordine. Stato sia vicino a chi cerca”

"La battaglia della famiglia Cucchi è stata una battaglia per la verità. E lo Stato deve essere vicino alle persone che cercano la verità, che non fa mai male e fa sempre bene. Questo aiuta ad avvicinare i cittadini alle istituzioni. La verità non fa male ai carabinieri, né alla polizia, né alle forze armate. Il mio dovere, per la carica che rivesto, è quello di mettere il riflettore dove ci sono le ingiustizie". Sono queste le parole del presidente della Camera, Roberto Fico, prima della proiezione del film sulla vicenda del geometra romano Stefano Cucchi, “Sulla mia pelle”, organizzata dalla presidenza della Camera nell’aula del palazzo dei Gruppi parlamentari.
Per Fico lo “Stato non deve mai avere paura di ricercare la verità, anche quando può essere dolorosa, scomoda o può fare male. L'unico modo per diventare uno Stato più maturo è quando riusciamo a guardare nella nostra pancia". Secondo il presidente il film del regista Alessandro Cremonini“è molto importante che la Camera ospiti questa proiezione”, in quanto “quella di Cucchi è una storia di violenza e di ricerca della verità, che interessa e coinvolge tutti noi. Di una verità, e non è la sola, che lo Stato deve restituire ai familiari, prima di tutto, ma anche a sé stesso. Perché, come ho detto in altre circostanze, uno Stato che fa luce su sé stesso, che guarda dentro sé stesso, è uno Stato che viene riconosciuto dalle persone, e quindi diventa più forte”. "La verità - ha continuato Fico - è sempre fonte di legittimazione di uno Stato, delle sue istituzioni e dei suoi apparati di sicurezza. Per questo bisogna andare avanti fino in fondo in questo processo, senza timori, perché quando lo Stato scaccia le sue ombre, i cittadini ritrovano la fiducia, la nostra comunità diventa più coesa e riesce a guardare al futuro con più serenità".


L’assenza del ministro Salvini
Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini, che in passato si è spesso scontrato con Ilaria Cucchi, non ha partecipato. “Il presidente della Camera fa le sue scelte ma io domani sono molto impegnato” ha detto Salvini che ha poi negato di aver visto il film: “Non ho molto tempo per andare al cinema”. Dopo che in aula il carabiniere, Francesco Tedesco, imputato nel processo bis della morte di Cucchi ha accusato due colleghi del pestaggio, Ilaria Cucchi aveva preteso le scuse dal ministro Salvini, che in passato aveva invitato la sorella di Cucchi a “vergonarsi” per le sue parole contro le forze dell’ordine. Scuse che non sono mai arrivate, nonostante l’invito del ministro a ricevere la famiglia Cucchi al Viminale. “L’indifferenza di Matteo Salvini? Non voglio commentare, chi ha a cuore la nostra battaglia di civiltà è con noi e non ci abbandonerà. Io credo nella parte pulita, buona, onesta delle istituzioni - ha detto Ilaria Cucchi dopo la proiezione - Sono stati anni complicati, ma ne è valsa la pena perché oggi lo Stato è con noi. Ma mi viene in mente chi ha sperato e spera ancora che questa storia si chiuda e di Stefano non se ne parli più. Ma se ne continuerà a parlare”. Anche il presidente della Camera ha commentato le dichiarazioni di Salvini: “Non mi interessa fare polemica. Voglio solo dire che uno Stato diventa ogni giorno più Stato se cerca tutte le verità”.
L’affluenza dei parlamentari è stata scarica e su questo Fico ha spiegato che in aula in quelle ore era in corso la seduta della Camera: “Devo dirvi che alle 18 e alle 21 c’erano votazioni. Se riuscivamo a farlo in un altro giorno sarebbe stata piena”.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy