Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

fregala enzo avvocato bonomolo 500di AMDuemila
Palermo. A raccontare le fasi immediatamente successive al delitto del penalista Enzo Fragalà, le prime indagini e piste investigative sono stai il colonnello dei carabinieri Francesco Gosciu e il capitano Fabrizio Cappelletti che si occuparono dei primi accertamenti sull'omicidio. Entrambi hanno testimoniato davanti ai giudici della corte d'assise che celebra il processo al capomafia Francesco Arcuri e ai mafiosi Antonino Siragusa, Salvatore Ingrassia, Antonino Abate, Paolo Cocco e Francesco Castronovo. Dall'acquisizione delle immagini delle videocamere di sorveglianza piazzate a pochi metri dal luogo dell'agguato, avvenuto vicino allo studio della vittima il 23 febbraio del 2010, agli interrogatori dei testimoni rimasti sulla scena del crimine, alla ricerca di chi si era trovato sul posto, ma non aveva spontaneamente collaborato alle indagini: i due carabinieri hanno raccontato il difficile avvio dell'inchiesta che solo dopo anni ha portato a un risultato. Al processo sono costituiti parte civile la moglie, i figli e la sorella di Fragalà, il Consiglio nazionale forense, il Consiglio dell'ordine degli avvocati Palermo, la Camera penale di Palermo e l'associazione Caponnetto. Secondo i pm, che hanno riaperto le indagini dopo una prima archiviazione, Fragalà sarebbe stato ucciso perché avrebbe indotto alcuni suoi assistiti a collaborare con gli investigatori, una linea che Cosa nostra non avrebbe gradito. Gli assassini avrebbero avuto l'incarico di dargli una lezione che doveva servire a tutta la categoria forense. Ma l'aggressione fu tanto violenta e brutale che il penalista perse la vita. La svolta nell'inchiesta sul delitto arrivo' grazie alla dichiarazioni del pentito Francesco Chiarello, che ha fatto ai magistrati i nomi degli esecutori materiali dell'omicidio. La prossima udienza è stata fissata per lunedì 9 ottobre.

Fonte ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy