Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

rostagno mauro c unita bigdi AMDuemila - Video
Era la sera del 26 settembre del 1988 quando un commando mafioso, composto da tre killer, colpì a morte il sociologo e giornalista Mauro Rostagno. Qualche colpo di pistola alle spalle mentre Rostagno stava tornando alla comunità Saman, alla guida della sua Duna bianca, dopo essere uscito dalla sede di Radio Tele Cine. Veniva ucciso così, 29 anni fa, un uomo in prima fila nel contrasto alla mafia e soprattutto alla cultura mafiosa.
Un impegno che partiva dal suo centro Saman, nato a Lenzi (vicino a Trapani) come comunità di arancioni convertita ben presto in centro terapeutico per il recupero di tossicodipendenti. Nel 1986 Rostagno diventò anche giornalista televisivo a Rtc, e iniziò ad indagare senza fare sconti a nessuno nella Trapani degli anni Ottanta, fatta di connessioni occulte tra Cosa nostra, politica e massoneria.
Per la sua morte la Corte d’Assise di Trapani ha condannato, il 15 maggio 2014, il killer Vito Mazzara ed il boss trapanese Vincenzo Virga. Un omicidio “volto a stroncare una voce libera e indipendente - si legge nella sentenza - che denunziava il malaffare, ed esortava i cittadini trapanesi a liberarsi della tirannia del potere mafioso”. Rostagno andava eliminato per “mettere a tacere per sempre quella voce che come un tarlo insidiava e minava la sicurezza degli affari e le trame collusive delle cosche con altri ambienti di potere”.
Ci sono voluti quasi 26 anni per arrivare alla condanna di primo grado ed ora, dopo 29 anni, ancora non c’è una sentenza definitiva che consegni una verità completa sulla morte del sociologo e giornalista. Il processo in secondo grado intanto prosegue ed entro la fine dell’anno si attende la sentenza.
Nel giorno del ventinovesimo anniversario dalla morte di Mauro Rostagno vogliamo ricordarlo con la sua testimonianza diretta pubblicando alcuni suoi servizi televisivi.

Foto © l'Unità

VIDEO
Il servizio televisivo sull’omicidio del giudice Antonino Saetta, ucciso da Cosa nostra il 25 settembre 1988, e l’intervista di Mauro Rostagno al Presidente della Provincia di Trapani Mario Barbara




Il ricordo di Mauro Rostagno da parte dei colleghi di Radio Tele Cine



ARTICOLI CORRELATI

Mauro Rostagno, il ricordo che resta 28 anni dopo

LA STORIA
Ventisette anni senza Mauro Rostagno
di Sara Donatelli

Quell'informazione che fa paura al potere

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy