Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

IMG 4205Foto e Video
di Francesca Panfili

Una sala gremita ha partecipato alla conferenza che si è svolta ieri a Gubbio dal titolo "Le stragi dello Stato mafia" ed ha accolto calorosamente Salvatore Borsellino e gli ospiti della serata, il direttore della rivista Antimafia Duemila Giorgio Bongiovanni e il caporedattore Aaron Pettinari, moderatore dell'incontro. La conferenza è stata organizzata dal Movimento Agende Rosse di Gubbio con la collaborazione dell'Istituto Cassata Gattapone.
Sul tavolo dei relatori era presente uno striscione dedicato al pm Nino Di Matteo, bersaglio di numerose minacce di morte da parte dei vertici della cupola mafiosa mentre sullo sfondo della splendida cornice antica della Biblioteca, i quadri del collaboratore di giustizia Gaspare Mutolo coloravano la sala.
La trattativa Stato-mafia e la ricerca dei mandanti occulti che hanno orchestrato e commissionato le stragi del ’92, sono stati i temi fondanti della serata.
Dopo venticinque anni dalle stragi di Capaci e Via D’Amelio, ha ancora senso parlare di mafia e ricercare la verità sulla morte di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone. Una verità ancora negata rispetto ai pezzi dello Stato che hanno trattato con la mafia e commissionato l’uccisione dei due giudici. Non si tratta di storie vecchie, come certa informazione asservita al potere vuole farci credere, ma di vicende fondamentali per capire la storia presente e futura del nostro paese.
Da quel lontano 1992 si sono susseguiti numerosi processi che hanno portato a condanna molti boss della cupola di Cosa Nostra e sono emersi testimoni chiave di quegli anni, divenuti nel tempo collaboratori di giustizia. Oggi, alla vigilia della conclusione del processo Borsellino quater, che probabilmente si concluderà il prossimo 19 aprile, la verità sulle stragi e sui loro depistaggi di Stato, ancora non è emersa. Una verità incompleta e mancata, come è accaduto per altre stragi eccellenti che hanno macchiato di sangue la storia del nostro paese, da Portella della Ginestra alla strage di Bologna.



In questi anni, come più volte è accaduto, sono stati gli stessi familiari vittime di mafia, come Salvatore Borsellino, a chiedere a gran voce la verità su quel patto scellerato posto in essere dallo Stato con la mafia. E per questa richiesta di giustizia hanno subito numerosi attacchi da parte di esponenti politici legati a quei tristi fatti di storia e da parte di una certa stampa asservita agli stessi poteri che hanno ordito e commissionato l’assassinio dei loro familiari. Stampa che più che informare, non perde mai tempo a diffamare, calunniare e infangare chi ha fatto della lotta alla mafia un caposaldo della propria esistenza e della riscossa civile del nostro paese.
Se prima parlare di trattativa Stato-mafia era una semplice supposizione degli addetti ai lavori, oggi “la trattativa è oggetto di un processo ed è stato provato che pezzi dello Stato italiano avviarono una trattativa con Cosa Nostra per creare stragi e terrore” ha dichiarato il direttore di Antimafia Duemila Giorgio Bongiovanni. Ed è forte l’attenzione che la società civile deve mantenere nei confronti di magistrati come Nino Di Matteo, Pm che da anni indaga sulla trattativa, minacciato di morte dalla cupola di Cosa Nostra, per il quale sono pronti a Palermo 200 kg di tritolo. “Un attentato tutt’ora in corso” afferma Bongiovanni contro uno dei pochi magistrati che in Italia ha compreso che “la mafia non è un’organizzazione criminale separata dalle altre ma soprattutto Cosa Nostra e la 'Ndrangheta sono un’unica organizzazione criminale al servizio di un unico sistema criminale” ha continuato il direttore di Antimafia Duemila. Chi in Italia arriva a scoprire i poteri occulti che depistano, collaborano, trattano ed operano con la mafia, subisce gli ostacoli, la delegittimazione, l’isolamento e la morte civile o fisica come accaduto a Giovanni Falcone e a Paolo Borsellino.
 “Paolo è stato ucciso prima che rivelasse all’opinione pubblica la trattativa che aveva scoperto” ha dichiarato suo fratello Salvatore. “Lui aveva una fede infinita nello Stato... Penso a quanta tristezza abbia invaso l’anima di Paolo quando si è reso conto che la mano che lo avrebbe ucciso sarebbe venuta da quello stesso Stato al quale aveva prestato giuramento” ha continuato Borsellino, dichiarando che non sarà presente in aula per la sentenza del Borsellino quater. Riferendosi alla distruzione delle intercettazioni che riguardavano l’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il cui oggetto era il processo sulla trattativa, Salvatore si è detto indignato per la protezione assicurata ai vertici delle istituzioni e ai colletti bianchi implicati nella strage di Via D’Amelio. “Paolo è stato ucciso con un piano di emergenza a soli cinquantasette giorni dalla morte di Falcone perché altrimenti avrebbe rivelato la trattativa e avrebbe testimoniato al processo sulla strage di Capaci” ha affermato il fratello del giudice. Nonostante questo, il sogno di Paolo Borsellino e la riscossa civile da lui sperata, continua ancora oggi attraverso le iniziative dei cittadini che hanno deciso di resistere al sistema mafioso che attanaglia i vertici del nostro Stato, chiedendo verità sulle stragi e difendendo i magistrati onesti che indagano e scardinano con le loro inchieste chi copre, difende e ordina alla mafia.


Sono stati numerosi gli interventi del pubblico in sala. "Il fenomeno mafioso potrà mai avere fine?" ha chiesto una ragazza ai tre relatori che hanno risposto affermativamente all’accorato appello della giovane, concordi nel dire che il cancro mafioso potrà essere eradicato per sempre solo quando l'indifferenza sarà sconfitta.
La conferenza è stata preceduta da un importante dibattito sulla storia della trattativa Stato-mafia, svoltosi nel corso della mattinata con i ragazzi dell’Istituto Cassata Gattapone insieme al giornalista Aaron Pettinari.
Sono stati numerosi i temi affrontati e la cittadinanza ha partecipato attivamente al dibattito. Pesa la grave assenza delle autorità locali che non hanno partecipato all'evento e il mutismo di quasi tutti i media eugubini, segno del fatto che parlare di trattativa Stato-mafia, a distanza di venticinque anni dalle morti eccellenti di due rari servitori dello Stato, suscita ancora oggi l’imbarazzo della politica e l’indifferenza da parte di chi siede nelle istituzioni. Nonostante questo, la sala era piena di giovani rimasti colpiti dalle parole dei relatori. Giovani e cittadini che sentono nei loro cuori l'esigenza di un grande rinnovamento culturale e politico che si sostanzia nel messaggio di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone.
Ancora oggi la trattativa continua. Mutano gli scenari, cambiano i protagonisti ma la logica che guida questo disegno perverso prosegue. I cittadini onesti si possono opporre a questo chiedendo che sia fatta verità e giustizia su una delle pagine più buie della nostra storia e difendendo chi all'interno dello Stato serve, senza compromessi, le istituzioni ed onora la Costituzione italiana. Questi rari esempi di morale ed etica rappresentano per tutti noi il volto di un'Italia che rinasce e resiste. I volti che donano una nuova speranza per l’Italia. L'inizio di una nuova primavera che ci consentirà un giorno di godere dei frutti della rivoluzione civile e culturale che, seppur lentamente e in sordina, si sta diffondendo nel nostro disgraziato paese anche attraverso serate come questa.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy