Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

incendio 1I terreni erano stati confiscati al clan Moccia
di Sara Donatelli
La Mafia Incendia Solo D’estate. È un titolo emblematico quello che viene dato al comunicato stampa in cui si descrive il vile atto intimidatorio ai danni della cooperativa Al di Là dei sogni di Sessa Aurunca dove quattro ettari di terreno confiscati al clan Moccia sono stati dati alle fiamme. “L’incendio di natura dolosa- si legge nella nota- è stato scoperto stamattina (6 luglio) dai soci cooperatori che avevano piantato, nell’ambito della riforestazione, alberi di noci. Le fiamme sono state originate in più punti e hanno distrutto anche una parte del ‘Giardino della Memoria’, un baluardo del ricordo delle vittime innocenti della camorra”.

Un vile atto intimidatorio,  dicevamo prima, e la prova di ciò è il fatto che 4 ettari di terreno sono rasi al suolo, ma le fiamme non hanno coinvolto i terreni vicini a meno di 20metri. Purtroppo questo non è l'unico caso: un incendio ha infatti recentemente danneggiato i terreni dell’Erbario bruciando rigogliosi coltivazioni della cooperativa sociale ‘Le Agricole’ di Lamezia Terme.incendio 2 E non sono da sottovalutare nemmeno i continui atti vandalici ai danni della sede scout del Gruppo Benevento3, nel quartiere di Capodimonte. Ed è proprio in seguito all’atto intimidatorio di oggi nei confronti della cooperativa Al di Là dei sogni che è stato comunicato che il 23 luglio a Maiano di Sessa Aurunca sarà organizzata una manifestazione nazionale che vedrà insieme sigle associative, Istituzioni, volontari e cittadini. incendio 4“La presenza non sarà simbolica ma testimonianza e assunzione di responsabilità. - si legge sempre nel comunicato stampa- L’obiettivo è riflettere e trovare la radice di fatti che tentano di riportare uno stato di timore, dove la paura è stata sconfitta dal desiderio di riscatto e da una sana economia sociale antidoto dell’economia criminale. Dinanzi a fatti del genere le maglie della cittadinanza attiva si stringono ancora di più e respingono qualsivoglia tentativo di intimidazione”. Per chi ha visitato quei luoghi,  stretto quelle mani, ascoltato quelle storie, visto quei volti, questo gesto è un attacco a quella è la vera Resistenza Antimafia. Una Resistenza fatta di azioni e non di parole, spesso inadatte ed incomplete. Una Resistenza che è diventata Ri-Esistenza. Una Resistenza, che adesso, diviene Resilienza.

A Simmaco Petillo, alla sua famiglia, ai suoi ragazzi e a tutti coloro che dedicano la propria vita alla Cooperativa Al di Là dei sogni va la nostra piena, completa ed incondizionata solidarietà.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy