Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

riina salvatore big1La Cassazione conferma il 41-bis per il capo dei capi
di AMDuemila
Respinto il reclamo del capo dei capi, che a 23 anni dal suo arresto resta ancora al 41-bis. Secondo la Cassazione il boss corleonese Totò Riina ha ancora una "elevatissima pericolosità sociale” riuscendo a conservare la "capacità" di "mantenere i contatti con la cosca mafiosa di appartenenza". E’ quanto si apprende dalle motivazioni della sentenza (depositate oggi dalla Suprema Corte) che ha confermato il carcere duro per l'ex capo di Cosa Nostra.

Riina infatti presentato reclamo contro l'ordinanza del tribunale di sorveglianza di Roma, che il 18 aprile 2014 aveva convalidato il decreto del carcere duro emesso dal Guardasigilli il 26 novembre 2013, con la proroga dell'applicazione del 41-bis. Ma il ricorso è stato dichiarato “inammissibile”, e il capomafia di Corleone è stato condannato a pagare mille euro alla Cassa delle Ammende.
Secondo i supremi giudici la ratifica del decreto "dà conto, esponendo una copiosa serie di precisi riferimenti ai dati desumibili da tutti gli atti disponibili, della specifica valutazione circa la elevatissima pericolosità sociale del Riina e, con un ragionamento adeguato, perviene, in considerazione della mancanza di elementi significativi atti a denotare il venir meno della capacità del detenuto di mantenere i contatti con la cosca mafiosa di appartenenza, alla conclusione del carattere attuale di tale capacità e quindi della permanenza dei presupposti per l'applicazione" del carcere duro.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy