Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

italgas-640di AMDuemila - 20 ottobre 2014
Palermo. Domani la commissione Antimafia ascolterà il procuratore aggiunto di Palermo Dino Petralia, il pm Dario Scaletta e il pm della Dna Maurizio De Lucia sul caso Italgas.
Un’inchiesta della Procura di Palermo che ha chiesto e ottenuto dal tribunale misure di prevenzione di Palermo il commissariamento temporaneo della società controllata dalla Snam e leader del settore della distribuzione del metano in Italia. La società, da dopo la notifica del provvedimento, è guidata dagli amministratori giudiziari.

Il provvedimento emesso dai giudici ha messo Italgas sotto la tutela dei magistrati che poi valuteranno se procedere al sequestro o restituire ai legittimi titolari la gestione "ripulita" dalle criticità riscontrate dagli investigatori. Secondo le indagini, infatti, l'impresa avrebbe agevolato imprenditori in odore di mafia anche consentendo loro di consolidare il predominio nel settore del gas metano. La decisione dei giudici si collega a un'indagine della Dda che ha portato alla sospensione dell'amministrazione della Gas Natural Distribuzione Italia Spa, della Gas Natural Vendita Italia Spa, della Gas Natural Italia Spa e della Crm di Curatola Alfredo Snc. Nell'ambito della stessa indagine la Guardia di Finanza di Palermo ha sequestrato un patrimonio di oltre 50 milioni di euro a un gruppo imprenditoriale che ha curato, fra gli anni '80 e '90, la metanizzazione di diverse aree del territorio siciliano. Secondo i pm il gruppo aveva ottenuto 72 concessioni per la metanizzazione della Sicilia e dell'Abruzzo grazie anche ad appoggi politici forniti dall'ex sindaco mafioso di Palermo condannato Vito Ciancimino. Nel mirino degli investigatori le imprese, ritenute vicine alla criminalità organizzata che in sub appalto eseguivano i lavori di realizzazione della rete del gas.

Fonte ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy