Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

mangano-cinziaAccusa di associazione semplice
di AMDuemila - 13 agosto 2014
Milano. Cinzia Mangano, figlia del boss Vittorio - conosciuto come lo 'stalliere' di Arcore - è stata condannata con rito abbreviato a Milano ad una pena di sei anni e quattro mesi di reclusione per associazione a delinquere. Insieme a lei sono state condannate a pene che vanno fino a otto anni altre sei persone, tra cui il genero di Mangano, marito dell'altra figlia, Loredana, Enrico di Grusa. L'accusa è però soltanto di associazione semplice in quanto il giudice ha ritenuto che a loro carico non fosse configurabile l'associazione a delinquere di stampo mafioso. 
Cinzia Mangano era stata arrestata con altri 7 soggetti nel settembre 2013. L'inchiesta in cui era coinvolta si basava su una rete di cooperative di servizi che, stando all'accusa, riciclavano denaro illecito destinato anche ai familiari degli arrestati e dei latitanti. Sempre secondo l'accusa, si trattava di una succursale di Cosa nostra a Milano, attiva già nel corso degli anni '90 e fino agli arresti. Per la Procura, nella ricostruzione che aveva portato al loro arresto, gli imputati avrebbero realizzato un "sistema" di cooperative di logistica e servizi che si era espansa "nel tessuto economico", stringendo anche un patto con le organizzazioni calabresi. Con queste si sarebbe creata un una storia criminale senza soluzione di continuità con i mandamenti di Pagliarelli e Porta Nuova, cui apparteneva Vittorio Mangano, fino all'eredità raccolta per conto delle cosche di Cosa Nostra dalla figlia Cinzia e da Di Grusa. ''Noi non dobbiamo dimostrare niente, non abbiamo bisogno di presentazioni'', diceva intercettata Cinzia Mangano. E questo perchè, come era spiegato nell'ordine di custodia cautelare, bastava ''l'autorevolezza del nome'' Mangano per esercitare ''l'intimidazione'' mafiosa e non c'era bisogno della ''violenza fisica'' perchè le vittime - tra questi tanti imprenditori lombardi - sapevano ''bene chi sono e cosa rappresentano Pino Porto, Cinzia la figlia di Vittorio'' e il genero. La Dda di Milano sostiene inoltre che gli arrestati erano in contatto e avrebbero sostenuto l'ex assessore alla Casa della Giunta lombarda, Domenico Zambetti, ex assessore alla Casa nella Giunta Formigoni e arrestato nell'ambito dell'indagine per voto di scambio e presunti legami con la 'Ndrangheta. Al riguardo erano emersi contatti tra Porto, anch'egli condannato, e persone che, in vista delle elezioni, si erano rivolte a lui per ottenere un aiuto nelle imminenti consultazioni elettorali''. Si trattava di ''una sorta di investimento che porterà l'esponente politico a essere riconoscente per l'aiuto richiesto e ottenuto''.

Fonte ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy