Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

ciancimino-massimo-web20di AMDuemila - 30 gennaio 2014
Il testimone Massimo Ciancimino, che stamattina ha presenziato all’udienza del processo per la trattativa Stato-mafia (nel quale figura tra gli imputati) ha annunciato la consegna di dieci milioni di euro alla Procura di Palermo: "Attraverso i miei avvocati, Francesca Russo e Roberto D'Agostino, ho anticipato al procuratore aggiunto Vittorio Teresi che lunedì presenterò una richiesta formale per essere ascoltato al fine di mettere a disposizione della Procura di Palermo dieci milioni di euro, finora conservati in banche estere e mai oggetto di sequestro". Da diversi anni i pubblici ministeri stanno indagando per arrivare a parte del noto “tesoro” di Ciancimino, ereditato dal padre Vito, ex sindaco mafioso di Palermo.

"Sono gli unici fondi che ho all'estero. I pm valuteranno se sono provenienti da attività illecita, come pensano molti, o sono perfettamente leciti come sostengo io. Sarà la Procura adesso a fare le sue valutazioni. Il tutto per volere interrompere tutte le speculazioni (comprese quelle di Riina dal carcere) fatte per delegittimarmi. Chi dice che ho collaborato con la Procura di Palermo solo per salvare il mio patrimonio adesso  ha la dimostrazione che non è vero" ha spiegato Ciancimino junior, per poi concludere: "Nel 2008 con questi soldi sarei potuto andare all'estero e godermi la vita, invece ho scelto la strada della collaborazione".   

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy