Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

carabinieri-gruppo-senza-voltidi AMDuemila - 14 gennaio 2014
La Procura di Palermo ha aperto un'inchiesta nei confronti del sottoufficiale dei carabinieri
Saverio Masi. Questi sarebbe indagato, come atto dovuto, dopo la denuncia  per calunnia e diffamazione presentata dagli ufficiali Giammarco Sottili e Francesco Gosciu, un tempo al vertice del Nucleo e poi del Reparto operativo dei carabinieri di Palermo e che lo stesso Masi ha accusato di avergli impedito di arrestare Matteo Messina Denaro. Allo stesso tempo i due ufficiali potrebbero essere iscritti nel registro degli indagati per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra, ed anche in questo caso si tratterebbe di un atto dovuto.

Il mancato arresto di Messina Denaro risalirebbe al marzo 2004 quando Masi si trovava a Bagheria quando, all'interno di un'auto che gli aveva tagliato la strada, notò il boss di Castelverano. Il sottoufficiale dei carabinieri ha quindi raccontato di averlo seguito fino ad una villa dove il boss trapanese aveva un appuntamento con una donna. Dopo aver stilato una relazione di servizio il maresciallo avrebbe chiesto l'autorizzazione per proseguire con le indagini vedendosi però sbarrare la strada. I superiori gli avrebbero chiesto di cancellare dalla relazione l'identità del proprietario della villa e quella della donna ed è per questo motivo che verrebbero indagati.

ARTICOLI CORRELATI

Le 'indagini pericolose' di Saverio Masi

Chi ha paura di Saverio Masi?

Confermata la condanna a Saverio Masi: la vittoria dei pavidi

Il maresciallo Masi: “Bloccate le indagini per catturare Provenzano e Messina Denaro”

Processo Mori: carabiniere in aula, ''Fu bloccato sequestro papello''

Dopo Masi parla un altro carabiniere: “Anch'io ostacolato nelle indagini su Provenzano”

Riina, Binnu, Messina Denaro le ombre siciliane sull'arma

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy