Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di-matteo-nino-web4di AMDuemila - 18 dicembre 2013
"In realtà queste non sono minacce, Totò Riina è stato intercettato mentre era inconsapevole di essere ascoltato, e pronunciava dei veri e propri ordini di morte che cerca di far arrivare all'esterno". Questo è quanto detto da Nino Di Matteo intervistato ai microfoni di Linea gialla, andate in onda ieri sera su La7. Uno dei temi della trasmissione era incentrato sulle misure di sicurezza affidate al sostituto procuratore di Palermo in seguito alle affermazioni del capomafia corleonese intercettate all'interno del carcere “Opera” di Milano, durante l'ora d'aria che il boss trascorreva con un membro della Sacra Corona Unita, Alberto Lorusso. Le istituzioni infatti hanno proposto l'utilizzo del blindato "Lince", al quale il pm Di Matteo si è opposto.

Oltre alle minacce Di Matteo ha dovuto anche rinunciare a partecipare al processo trattativa Stato-mafia a Milano. Un fatto che ha contribuito ad aumentare la tensione attorno ai pm che indagano sulla trattativa Stato-mafia. “Vedendo le cose con freddezza e razionalità – ha aggiunto Di Matteo - forse non vale la pena di sacrificare tanta parte della propria vita per tanto tempo per il proprio ideale ma la passione per il nostro lavoro e la consapevolezza della bellezza di cercare la verità prevale sempre”. Durante la trasmissione sono intervenuti anche Claudio Fava, Gianni Barbaccetto e sono state trasmesse le interviste di Vittorio Teresi, Antonio Ingroia e Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della repubblica del tribunale di Reggio Calabria il quale ha sottolineato come “La fuga di notizie è grave perché si espone ancora di più il magistrato che indaga”. Gratteri ha anche suggerito l'utilizzo delle videoconferenze nei processi per interrogare i pentiti senza dover spostarsi: “Ciò permetterebbe un grosso risparmiano di milioni di euro e soprattutto non si metterebbe a rischio la vita di nessuno”.


I video della telefonata esclusiva e l'intervista al procuratore aggiunto di Reggio Calabria
In caso i video non venissero visualizzati, provare ad utilizzare un browser alternativo (Safari, Chrome...)

Nino Di Matteo: da Toto' Riina ordine di uccidermi

Mafia: come si vive a Palermo oggi

Mafia: intervista al magistrato Gratteri


ARTICOLI CORRELATI

Stato-mafia: minacce a Nino Di Matteo, chi c’è dietro Totò Riina? La società civile si mobilita

Torna il popolo di Di Matteo. Venerdì 20 corteo a Palermo. Il documento integrale

Mai più accordi fra Stato-mafia, noi sempre con i magistrati della trattativa – Le adesioni alla manifestazione del 20 dicembre

Riina insiste: “Per Di Matteo è tutto pronto e lo faremo in modo eclatante”

Presidio alla Prefettura: subito il “bomb jammer” per Di Matteo!

Cosa Nostra alza il tiro: dopo Palermo arrivano nuove minacce ai pm di Caltanissetta e di Trapani

Riina attacca e Palermo risponde: tutti uniti per Nino Di Matteo e il pool antimafia!

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy