Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

no-muos-tshirtdi Carmen Valisano - 12 agosto 2013
Ai rimproveri di assoggettamento alla volontà statunitense e tradimento dei siciliani, il governatore ha replicato con un’intervista in cui insinua che all’interno del movimento No Muos si trovino elementi vicini alla criminalità organizzata. Esternazioni che hanno provocato una vigorosa protesta di alcuni attivisti che stamattina hanno presentato una formale denuncia.
Cresce la tensione tra i No Muos e il presidente della Regione Rosario Crocetta. Un gruppo di attivisti ha presentato stamattina una querela alla Procura di Palermo con l’accusa di diffamazione. A scatenare la reazione decisa, una serie di dichiarazioni nelle quali l’ex sindaco di Gela riferisce di infiltrazioni mafiose tra quanti si oppongono alla costruzione dell’impianto satellitare statunitense in costruzione a Niscemi.

I rapporti tra i cittadini e Crocetta si sono rotti in maniera definitiva dopo la decisione di ritirare i vincoli che per mesi hanno bloccato i lavori all’interno della base militare. Un atto che ha dato il via libera alla ripresa delle attività di innalzamento delle grandi parabole. Se il governatore respinge con grande fervore ogni accusa di assoggettamento agli interessi statunitensi in Sicilia, gli oppositori negano altrettanto fermamente di contenere all’interno del movimento persone vicine a Cosa nostra. «Ognuno di noi nel suo piccolo e a vario titolo combatte quotidianamente la mafia, in tutte le sue forme con il lavoro quotidiano, senza voltarci dall’altra parte, lontano dai riflettori della politica e della cronaca spettacolo», spiegano i firmatari della querela che parlano di un tentativo di delegittimazione della protesta. Tra loro ci sono il giornalista Antonio Mazzeo (che sulla questione ha scritto un articolo fortemente ironico), la fondatrice dell’associazione antimafie Rita Atria Nadia Furnari (ente che ha anche denunciato il dirigente regionale che ha firmato l’annullamento della revoca delle autorizzazioni per l’impianto Usa) e l’esperto del Politecnico di Torino Massimo Zucchetti, uno degli esperti convocati dalla Regione a pronunciarsi sul rischio delle parabole sulla salute dei niscemesi. «Noi non siamo mafiosi e non camminiamo con i mafiosi», spiegano.

«Le affermazioni del Presidente sono di una gravità assoluta – sostengono – lesive non solo del nostro onore ma anche di quello di migliaia e migliaia di cittadini, e specificamente del nostro onore e della nostra reputazione». Le parole del governatore, giunte a ridosso della manifestazione di sabato pomeriggio, hanno provocato da subito le aspre critiche di molti cittadini, compreso il gruppo delle Mamme No Muos. «La mafia – ha spiegato la coordinatrice Concetta Gualato - parte dai palazzi del potere e sta facendo gli interessi degli americani. I mafiosi oggi indossano la cravatta e non sono certo tra i manifestanti No Muos che sono gente semplice e generosa».

Tratto da: ctzen.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy