Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

ciotti-luigi-web6di Beppe Giulietti - 26 marzo 2013
Se qualcuno covasse qualche illusione su possibili grandi intese fará bene a leggersi le volgari ironie e le rabbiose reazioni che,alcuni mazzieri del conflitto di interessi, hanno riservato alla decisione di Bersani di ascoltare anche il punto di vista di don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, l’associazione che, da sempre, ogni giorno, contrasta le mafie e i loro protettori. Contro Libera, nel tempo, hanno puntato i riflettori quanti hanno orrore per la legalità e proprio per questo non hanno mai esitato a promuovere campagne di delegittimazione contro i giudici, i poliziotti, i sindacalisti, i volontari che non hanno mai alzato bandiera bianca.

Forse non sono piaciute le loro campagne contro le prescrizioni, le norme della vergogna, la richiesta di sequestro dei beni dei corrotti, politici compresi. Evidentemente per costoro si possono consultare inquisiti e condannati, ma non chi ha dedicato la propria vita alla giustizia sociale e alla legalità, ma forse il loro livore é una sorta di medaglia al valor civile per Don Ciotti e per tutta Libera.

Tratto da: liberainformazione.org

ARTICOLI CORRELATI

Chi sghignazza su Don Ciotti ha un’idea rattrappita della democrazia

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy