Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

dellutri-berlusconi-webL'ex premier fin qui si è sempre negato ai magistrati
di AMDuemila - 17 agosto 2012
Terza convocazione nel giro di un mese per l'ex premier Silvio Berlusconi. I magistrati di Palermo che stanno indagando sulla trattativa Stato-mafia non vogliono rinunciare alla sua audizione come testimone, così per la terza volta hanno inviato la citazione presso l'ufficio dell'avvocato Ghedini.

I pm hanno chiesto all'ex presidente del Consiglio di presentarsi in Procura in un giorno tra il 20 agosto ed il 5 settembre dopo che le scorse volte questi ha sempre ribadito di avere dei "legittimi impedimenti" per presentarsi. In particolare i pm Ingroia, Di Matteo, Sava, Guido e Del Bene, che si occupano delle indagini, chiederebbero conto a Berlusconi di quei venti milioni di euro pagati all’amico Dell'Utri per l’acquisto di una villa che, conti alla mano, ne valeva la metà. Denaro che, secondo l'accusa potrebbero essere il conto di un’estorsione nei confronti di Berlusconi.Altro aspetto sarebbe l'estorsione "politica" subita da Berlusconi nel 1994, quando era presidente del Consiglio, al cui centro vi sarebbe sempre stata la trattativa Stato-mafia. In questa indagine, Dell’Utri è indagato insieme a Nicola Mancino, al senatore Calogero Mannino e ai generali dei carabinieri Mario Mori e Antonio Subranni. Secondo le ipotesi investigative della procura, Dell’Utri sarebbe subentrato a Salvo Lima come mediatore con Cosa Nostra.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy