Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

ingroia-antonio-bigdi AMDuemila – 18 luglio 2012
Palermo. “Qualche anno fa eravamo all'anticamera della stanza della verità, ora ci siamo dentro”.
Ne è convinto il procuratore aggiunto Antonio Ingroia “Siamo dentro la camera sia la Procura di Palermo che la Procura di Caltanissetta che ha sventato quello che è stato un depistaggio che ha costruito e fabbricato a tavolino una verità apparente su cui erano state costruite sentenze definitive per cui innocenti sono stati in carcere. Ora che siamo entrati anziché trovare una stanza illuminata siamo di fronte ad una stanza buia in cui qualcuno ha sbarrato le finestre, e dove le luci artificiali non funzionano perché sono fulminate le lampadine. Noi ci troviamo lì con le candele”.


ARTICOLI CORRELATI


Ingroia: “Io pazzo? Sì, perché credo possibile una verità sulle stragi ed i misteri d'Italia”

Ingroia: “Dobbiamo chiederci perché è morto Borsellino”

Ingroia: Trovo scandaloso che non una sola commissione d’inchiesta sia stata aperta su trattativa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy