Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

carcere-grandedi AMDuemila - 5 aprile 2012
Palermo. E’ morto ieri, all’età di 76 anni, il capomafia del mandamento di Villabate  Salvatore Montalto. Il boss ergastolano era detenuto a Milano, malato terminale, i parenti sono riusciti a ottenere il trasferimento in Sicilia per gravi problemi di salute, è deceduto ieri poco dopo essere arrivato con l’aereo.

Salvatore Montalto è stato dopo la guerra di mafia dei primi anni ‘80 capo del mandamento mafioso di Villabate; era braccio destro del boss Totuccio Inzerillo, ma poi passò dalla parte dei corleonesi, l'ala vincente della seconda guerra di mafia, di cui Inzerillo fu vittima grazie al contributo di Montalto. Cercava proprio Montalto il poliziotto della mobile di Palermo Calogero Zucchetto quando incontrò il superkiller Pino Greco, da questa fatalità poi avvenne l'omicidio dell'agente.
Il 18 settembre 2008 la prima sezione penale della Cassazione presieduta da Edoardo Fazioli, dopo cinque ore di camera di consiglio, ha confermato in pieno la sentenza della corte d'Assise d'Appello di Catania che aveva nel 2006 condannato i capi mandamento a diversi ergastoli. Confermato, quindi, per le due stragi Capaci e via D'Amelio il carcere a vita, tra gli altri, anche per Salvatore Montalto.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy