Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

canali-olindoSonia Alfano: "Spero che il Csm e l'Anm provvedano di conseguenza"
14 marzo 2012
“Ci sono voluti anni e moltissime energie per dimostrare chi fosse il magistrato Olindo Canali, ma alla fine la verità è venuta a galla. Mi auguro che anche il Csm e la magistratura associata - e in particolare quella parte di Magistratura Democratica che fino a oggi l’ha protetto - prendano atto della gravità di quanto accaduto e provvedano di conseguenza, almeno sospendendo un magistrato indegno, oggi anche secondo una sentenza pronunciata in nome del popolo italiano, di amministrare giustizia. Anche se non è stata riconosciuta l’aggravante mafiosa, rimane il fatto che Canali è stato condannato per falsa testimonianza, quindi per un delitto contro l’amministrazione della giustizia commesso nel maxiprocesso alla mafia barcellonese.

La falsa testimonianza di Canali, infatti, consistita nel negare dolosamente circostanze utili alla conferma della condanna del boss Gullotti all’ergastolo per il duplice omicidio Iannello-Benvenga, ha contribuito a riformare in appello la condanna all’ergastolo emessa in primo grado nei confronti del boss Giuseppe Gullotti per un duplice omicidio. Su quel delitto Canali aveva ricevuto informazioni da mio padre, poche settimane prima del suo assassinio avvenuto l’8 gennaio del 1993.
E’ utile ricordare che Giuseppe Gullotti era già stato condannato con sentenza definitiva in qualità di organizzatore dell’omicidio di mio padre a 30 anni di reclusione, anziché all’ergastolo, solo perché l’allora pubblico ministero Olindo Canali aveva ‘dimenticato’ di inserire nel capo d’imputazione l’aggravante della premeditazione. I depistaggi e la cattiva condotta di questo abietto magistrato in relazione alle indagini sull’omicidio di mio padre, oggi che è stato condannato, sono più evidenti a tutti. Spero che giustizia sia fatta, una volta per tutte”.

Lo ha detto l’eurodeputata di IdV Sonia Alfano, commentando la condanna del magistrato brianzolo Olindo Canali emessa oggi dal Gup di Reggio Calabria Cinzia Barillà.. Il magistrato è stato oggi condannato a 2 anni di reclusione per una falsa testimonianza commessa nel 2009 innanzi alla Corte d'Assise d'appello di Messina nel processo Mare Nostrum. In parallelo processo lo stesso Gup oggi ha condannato il capomafia di Barcellona Pozzo di Gotto (ME) Giuseppe Gullotti a 2 anni di reclusione per minaccia, con l'aggravante mafiosa, alla Corte d'Assise d'appello di Messina commessa con dichiarazioni spontanee rese da imputato nel processo Mare Nostrum. Gullotti è stato anche condannato al risarcimento dei danni nei confronti dell'avvocato Fabio Repici, che si è costituito parte civile.

Tratto da: soniaalfano.it

ARTICOLI CORRELATI

- Tsunami Parmaliana - di Manuela Modica
ANTIMAFIADuemila
 N°60

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy