Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

fava-giuseppe-bigdi AMDuemila - 5 gennaio 2012
"Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità, impedisce molte corruzioni, frena la violenza della criminalità, accelera le opere pubbliche indispensabili, pretende il funzionamento dei servizi sociali, sollecita la costante attuazione della giustizia, impone ai politici il buon governo. Se un giornale non è capace di questo si fa carico di vite umane. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, della verità si porta sulla coscienza tutti i dolori che avrebbe potuto evitare, le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, le violenze, che non è stato capace di combattere".

Così Giuseppe Fava, nel 1981, spiega in un editoriale del Giornale del Sud cos’è per lui il giornalismo. E questo concetto l’ha sempre messo in pratica nel suo lavoro meticoloso di analisi della società siciliana e italiana. Un lavoro attento, portato avanti con coraggio, ma che il 5 gennaio 1984 lo ha condotto alla morte.

LEGGI IL DOSSIER PIPPO FAVA: Clicca!

VIDEO Nel dicembre 1983 Fava rilascia la sua ultima intervista a Enzo Biagi. Parla di mafia, di Sicilia, di politica



ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy