Un telegramma alla moglie con frasi e parole messe in risalto con evidenziatori di colori diversi. Era lo stratagemma utilizzato da un presunto boss della camorra, Ettore Bosti, rinchiuso nel carcere di Cuneo in regime di 41 bis, per mandare ordini all'esterno: questa, almeno, è stata la conclusione dei giudici, che hanno bloccato l'invio della missiva. Il provvedimento, spiccato dal magistrato di sorveglianza della città piemontese e confermato dal tribunale di Torino, è ora stato ratificato anche dalla Cassazione, che ha respinto il ricorso dell'uomo. L'episodio è del 2023. Ad attirare l'attenzione dei magistrati, come si legge nelle carte del procedimento, è stato "l'ampio utilizzo di evidenziatori colorati utilizzati limitatamente a frasi e parole specifiche", cosa che ha portato a sospettare "un tentativo di trasmissione di messaggi criptici da parte del detenuto alla consorteria di appartenenza". Inutilmente l'uomo ha sostenuto - con tanto di documentazione - che era sua abitudine utilizzare gli evidenziatori e che non si trattava di qualche codice particolare. Il detenuto aveva ricevuto una lettera 'trattata' in modo molto simile.

Fonte: Ansa 

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos