Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

strage-capaci-bigdi AMDuemila - 17 maggio 2012 - VIDEO
Il collaboratore di giustizia Gaspare Spatuzza, che si è autoaccusato di avere avuto un ruolo nella strage di via D'Amelio, ha rivelato ai magistrati di Caltanissetta, che conducono le indagini sulle stragi mafiose del '92, di avere reperito anche l'esplosivo utilizzato per compiere l'attentato di Capaci al giudice Giovanni Falcone.
Giusto ieri Ferdinando Buceti, vice questore della Dia (Direzione Investigativa Antimafia) di Caltanissetta aveva dichiarato al settimanale Oggi: “Novità su Capaci? Forse… ma non posso parlarne. Ci sono alcuni aspetti che meritano approfondimenti e che provengono dal racconto di Spatuzza e da indagini che abbiamo fatto. Si tratta di verifiche che potranno concludersi a breve”.

E proprio oggi sono stati pubblicati alcuni stralci dei verbali dal Giornale di Sicilia: “Ricordo - dichiara Spatuzza - che Fifetto Cannella mi chiese, circa un mese prima dell'eccidio in cui morirono Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta di trovare una macchina voluminosa”. Spatuzza, che procurò anche la Fiat 126 utilizzata come autobomba in via D'Amelio, racconta: “Ci recammo a Porticello dove trovammo un certo Cosimo di circa 30 anni ed assieme a lui andammo su un peschereccio attraccato al molo da dove recuperammo dei cilindri dalle dimensioni di 50 centimetri per un metro legati con delle funi sulle paratie della barca. Successivamente constatai che al loro interno vi erano delle bombe”. “Recuperati i fusti - prosegue Spatuzza - li caricammo sulla autovettura per dirigerci verso la mia abitazione. Una volta arrivati a casa di mia madre, ubicata in un cortile, scaricammo i bidoni all'interno di una casa diroccata di mia zia che era a fianco di quella di mia madre e che noi usavamo come magazzino”. Successivamente, sempre secondo il racconto del pentito, venne “recuperato altro esplosivo in alcuni bidoni alla Cala, (vicino al porto) legati ad un peschereccio”. “Nessuno mi ha mai detto esplicitamente a cosa servisse l'esplosivo”, conclude Spatuzza che tuttavia collega la circostanza con l'attentato di Capaci.

VIDEO
Ingroia: «Menti raffinatissime anche dietro la strage di Capaci»
Secondo il procuratore aggiunto l'attentato a Falcone «non può essere solo opera della mafia»

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy