Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La polizia ha eseguito stamani il sequestro, finalizzato alla confisca, di beni riconducibili ad esponenti di un clan di Camorra, i 'Cuomo' di Nocera Inferiore (Salerno), finito al centro di un'inchiesta della procura di Firenze per usura e altri reati, anche associativi. Il procuratore della Repubblica di Firenze e il questore di Firenze hanno richiesto e ottenuto la misura di prevenzione patrimoniale, che ha portato poi al sequestro dei beni per un totale di 500 mila euro: una palazzina di tre piani a Nocera Inferiore (Salerno), quattro auto, due motociclette, conti correnti, un deposito titoli, un fondo di investimento, quote e beni che compongono il patrimonio aziendale di almeno tre ditte riconducibili a Luigi Cuomo, 40enne, attualmente detenuto nel carcere di Nuoro. Il sequestro ha colpito anche proprietà e conti intestati alla moglie Anna Eboli e al figlio Michele Cuomo.
La proposta formulata congiuntamente dal Procuratore aggiunto Luca Tescaroli e dal questore Maurizio Auriemma ha evidenziato, altresì, la pericolosità sociale di Cuomo, basata sui numerosi procedimenti penali (alcuni dei quali conclusi con sentenze irrevocabili), a partire dal 2002, consentendo di ritenere che l’indagato, per la condotta e il tenore di vita attuale, vivrebbe, anche in parte, con i proventi di attività illecite. A Firenze il clan Cuomo ha tentato in tempi recenti l'infiltrazione territoriale disponendo nel capoluogo toscano di una base dotata di armi (almeno cinque pistole) e munizioni e dalla quale sarebbero partite spedizioni punitive per colpire i rivali di Nocera Inferiore. Formalmente Luigi Cuomo era titolare di una pizzeria di Firenze che il 23 febbraio 2021 fu colpita da un attentato incendiario, frutto di contrasti maturati dentro il gruppo. Tale insolita azione criminale per la città di Firenze aveva stimolato le indagini battenti di polizia e guardia di finanza che nel settembre 2021 avevano portato ad arresti e a scoprire il piano di infiltrazione a Firenze dei Cuomo, nel settore del commercio per riciclare il denaro sporco proveniente dalle attività criminali e fare usura, e pure intercettando i fondi Covid.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta in Toscana: sequestrati beni a imprenditore legato ai clan Gallace

'Ndrangheta in Toscana: sequestro 5 mln a imprenditore rifiuti

Dalla ristorazione alla moda, ecco come 'Ndrangheta e Camorra inquinano la Toscana

Operazione 'La Garuffa': gdf e carabinieri eseguono 11 arresti tra Livorno e Pisa

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy