Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Ciao Giancarlo Siani. La camorra ti ha ucciso 36 anni fa. Abbiamo bisogno di ‘giornalisti giornalisti’ che con le loro inchieste svelino mafie e corruzione, soprattutto ora che sono in arrivo i miliardi del Recovery Plan. Un giornalismo indipendente, voce di chi non ha voce". Ha scritto così il senatore del gruppo misto Sandro Ruotolo in ricordo di Giancarlo Siani ucciso dalla camorra il 23 settembre 1985. Siani stava uscendo dalla redazione de “Il Mattino”, dopo una lunga giornata di lavoro tra notizie cercate in giro e pagine scritte. Una volta salito sulla sua Citroen Mèhari verde (simbolo di memoria di quel giornalismo libero) si era avviato verso casa. Mentre stava parcheggiando la sua auto due uomini lo freddano con numerosi colpi d’arma da fuoco calibro 7.65mm. I colleghi in redazione vengono a sapere dell’omicidio tramite la classica telefonata alla polizia per sapere se ci sono notizie da segnalare. Dal 113 hanno riposto che “è stato ammazzato Siani nella sua auto a piazza Leonardo al Vomero”. I compagni di lavoro una volta saputa la notizia si erano recati sul posto. Giancarlo era riverso sul volante della sua auto con la guancia sinistra rigata di sangue.

Una “penna” da fermare
Giancarlo Siani era un ragazzo che aveva deciso di fare il giornalista per raccontare ciò che accadeva nella sua terra. Un ragazzo con una forte passione per la scrittura e per le inchieste, con il sogno di ottenere, da un giorno all’altro, un contratto e un lavoro stabile. Un giornalista pronto a mettere a rischio la propria vita per lottare contro un sistema di violenza e morte. Siani è, e sarà sempre, un “giornalista-giornalista” che ricercava le notizie scomode, contrapponendosi al classico modello di giornalista-impegnato. Scriveva senza condizionamenti la realtà di una Napoli contaminata dalla Camorra e dalla corruzione politica, in particolare a Torre Annunziata. “Una città con circa 60.000 abitanti, un apparato produttivo in crisi, oltre 500 cassintegrati e la più alta percentuale di iscritti al collocamento - aveva scritto lui stesso in un articolo per la rivista “Osservatorio sulla camorra” - Un ottimo terreno per reclutare disoccupati e trasformali in killer”.
Sono gli anni della guerra di Camorra dove a confrontarsi erano due schieramenti: la nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo e le famiglie emergenti dei NuvolettaAlfieri e Bardellino, affiliate a Cosa nostra. Quest’ultima avrà poi la meglio sulla NCO, grazie alla preziosa alleanza del boss di Torre Annunziata, Valentino Gionta, camorrista in ascesa con fortissimi legami nel mondo della politica e dell’imprenditoria. In un articolo sul business del mercato ittico, Siani aveva descritto così le infiltrazioni criminali: “Tra i soci delle due cooperative che lavorano al mercato del pesce, spicca un nome inquietante: Gemma Donnarumma, moglie di Valentino Gionta. È questo il modo pulito per intascare il ricavato delle attività del mercato”. E ancora: “Con il sistema delle cooperative, Gionta aveva dato via a altre imprese di camorra. Inevitabile l’infiltrazione nel sistema degli appalti”.
Siani aveva quindi ben chiaro che la Camorra e i politici camminavano, e camminano, a braccetto. Ed è stato proprio un articolo a condannarlo a morte. Il 10 giugno 1985, infatti, “Il Mattino” aveva pubblicato la cronaca di Siani dell’arresto di Valentino Gionta. “Potrebbe cambiare la geografia della Camorra dopo l’arresto del superlatitante Valentino Gionta. Già da tempo, negli ambienti della mala organizzata e nello stesso clan dei Valentini di Torre Annunziata si temeva che il boss venisse “scaricato”, ucciso o arrestato. - scrive Siani - Dopo il 26 agosto dell’anno scorso il boss di Torre Annunziata era diventato un personaggio scomodo. La sua cattura potrebbe essere il prezzo pagato dagli stessi Nuvoletta per mettere fine alla guerra con l’altro clan di “Nuova famiglia”, i Bardellino”.
E’ così che i Nuvoletta decidono la morte di Giancarlo, l’unico modo per cancellare l’onta di quella “offesa”. Anche se un altro pentito, Gabriele Donnarumma, aveva riferito che dietro la decisione dei Nuvoletta, di uccidere Siani, vi era stato addirittura l’ordine diretto dello “zio”, ovvero Totò Riina. “Lo “zio”- ha detto Donnarumma - dalla Sicilia non accettava che, nei confronti di mafiosi - tali eravamo noi ed i Nuvoletta - si dicessero cose del genere e perciò dovevamo uccidere il giornalista”.

Verità per Giancarlo
Dopo otto anni dall’omicidio, nel 1993, arriva la svolta nelle indagini. Grazie alla collaborazione di Salvatore Migliorino, il magistrato della Dda di Napoli, Armando D’Alterio aveva riaperto le indagini. Per l’omicidio sono stati condannati i mandanti (Lorenzo e Angelo Nuvoletta Luigi Braccanti) e gli esecutori (Ciro Cappuccio e Armando Del Core). Mentre la posizione dell’ex sindaco di Torre Annunziata, Domenico Bertone, è stata archiviata. Il boss Gionta è stato prima condannato e poi assolto in vari processi fino all’assoluzione definitiva della Cassazione nel 2003.
Tuttavia, quella verità processuale, alla quale si è giunti con difficoltà, non ha del tutto cancellato la convinzione che dietro quell'omicidio ci fosse anche altro. Lo stesso pm Armando D’Alterio, il sostituto alla Direzione distrettuale antimafia di Napoli che ha riaperto le indagini sul caso, ha dichiarato in passato che “quell’articolo fu solo la causa scatenante dell’omicidio”. E sono molteplici le domande che restano aperte a trentasei anni di distanza dal delitto. Di cosa avrebbe voluto parlare con il suo ex direttore de l’“Osservatorio sulla camorra”, Amato Lamberti, a cui telefonicamente aveva chiesto un incontro per parlare di cose che “al telefono è meglio non dire”? Elementi che portano a domandarsi: che cosa aveva scoperto Siani? Perché era preoccupato? E dove è finito il materiale da lui raccolto? Una questione che sembra ricordare quanto accaduto anche in altri misteri italiani, come la sparizione dell’agenda rossa di Paolo Borsellino o il trafugamento di documenti dalla cassaforte del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa.

ARTICOLI CORRELATI

Cancellato murales Siani: Cantalamessa, si faccia chiarezza

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy