Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Dda di Salerno: "L'articolo del 'Riformista' è un pezzo di una campagna mediatica atta a consentire al camorrista di tonare in libertà"

Nella lettera strappalacrime scritta da Rosario Giugliano, affiliato al clan Alfieri-Galasso e pubblicata il 26 febbraio 2021 dal giornale iper garantista diretto da Piero Sansonetti si legge che "proprio nelle catacombe del 41-bis, nonostante le angherie di quel regime, la mia riflessione e la voglia di cambiare si rafforzarono sempre di più. Una 'luce' si era accesa nel mio animo. Essendo di estrazione cattolica mi piace pensare che dall’alto “qualcuno” abbia voluto prendermi per mano e accompagnarmi in una nuova vita” e che "in questo Paese chi sbaglia, indipendentemente dal percorso che poi ha intrapreso, rimane sempre colpevole. Comunque, a parte l’amarezza, il mio percorso me lo tengo stretto, perché ritengo oggi di essere una persona migliore. Non so se lo Stato, questo Stato senza grazia e senza pietà, può dire lo stesso di sé".
Peccato che mentre era in libertà e sottoposto al regime di sorveglianza speciale, lo scorso 13 aprile, Rosario abbia tentato di uccidere, con 14 colpi di pistola a San Marzano sul Sarno, Carmine Amoruso, con lo scopo di prenderne il suo posto e assumere il controllo degli affari criminali dell’Agro-nocerino. Molto cattolica come decisione.
A fronte di quanto accaduto è lecito chiedersi se verrà presa in considerazione questa storia nel dibattito sull'abrogazione dell'ergastolo ostativo che dovrà affrontare il Parlamento in seguito alla decisone della Consulta.
La vecchia gloria del clan Alfieri-Galasso, inoltre, è stata capace di accumulare condanne per 227 anni, 7 mesi e 28 giorni di reclusione. L’ergastolo era stato convertito in 30 anni (di cui 13 al 41-bis), conclusi di scontare nel 2020. Motivo? Ha partecipato alla “strategia della dissociazione” ideata dai Moccia di Afragola - il più antico e potente sodalizio camorristico operante nella bassa Liburia - per prendere le distanze dalla camorra e dai propri delitti, senza dire una parola sui sodali.
A seguito dell'episodio di tentenno omicidio la Dda di Salerno ha richiesto per Rosario Giugliano l'esecuzione della custodia cautelare insieme ad altre ventisei persone riuscendo a sgominare un paio di clan di camorra e i loro affari nel racket e nella droga. Nell'ordinanza si fa riferimento anche all'articolo del Riformista, citandolo come un pezzo di una “strategia mediatica” sostenendo che “il costante richiamo a un percorso rieducativo solo evocato e mai realmente perseguito” sia stato uno mezzo “per cercare di creare un clima che consentisse al vecchio camorrista di ritornare sul territorio di pertinenza mantenendo quel carisma criminale”.
Coma già detto da numerosi giuristi, magistrati, avvocati e membri della società civile, vittime di mafia in primis, la collaborazione con la giustizia rimane il solo ed unico vero indicatore di una reale volontà di volersi staccare dal sodalizio mafioso.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

I boss esultano. La Consulta decreta l'incostituzionalità dell'ergastolo

Ministra Cartabia, la cella ai mafiosi la apra lei! - di Saverio Lodato

Perché l'ergastolo ostativo non può essere seppellito - Video

Maria Falcone: ''Su ergastolo ostativo intervenga legislatore, non si vanifichino anni di lotta''

Ergastolo ostativo, senza collaborazione non c'è piena rieducazione

Ergastolo ostativo: Sarti, rafforzare antimafia

Ergastolo ostativo, Libera: ''rafforzare strumenti contro mafie, evitare segnali indebolimento''

Mafia: Calleri, continua battaglia a difesa ergastolo ostativo

Ergastolo ostativo, Dolci: ''Occorre sensibilizzare la magistratura di sorveglianza''

Ergastolo ostativo: preoccupa l'indebolimento degli strumenti di lotta alle mafie

L'appello di Sonia Bongiovanni: ''Il capo dello Stato è parente di vittima di mafia, si schieri con noi''

Dopo l'ergastolo ostativo, toccherà al 416 bis. Così si smobilita la legislazione antimafia

Margherita Asta: ''Il mafioso deve collaborare, deve contribuire a scrivere la verità''

Leonardo Agueci: ''L'attenuazione del trattamento carcerario è sempre stato il principale obiettivo della mafia''

Siap Palermo: Le conquiste legislative in tema di contrasto a Cosa Nostra non si toccano

Eliminazione ergastolo ostativo: stanno uccidendo, di nuovo, Falcone e Borsellino


Di Matteo: ''Lotta alla mafia non è in cima all'agenda politica dei governi''

Maria Falcone: ''Errore modificare ergastolo per boss''

Davigo: ''Quanto efficace difesa dell'Italia davanti alla corte di Strasburgo?''

Ergastolo ostativo, Borsellino: ''Stanno per dare il colpo di grazia a mio fratello e a Falcone''

Giarrusso: ''Difendiamo l'ergastolo ostativo per i mafiosi''

Libertà condizionale ai boss, l'ira di Morra, Giarrusso e Di Battista contro il governo

Ergastolo ostativo, non vorrei essere nei panni di un magistrato di sorveglianza

Ergastolo ostativo, Maresca: "Così si distrugge impianto contro boss"


''Mafia in Nove Atti'': carcere ostativo e 41 bis sotto attacco

Guai se depotenziano l'ergastolo ai mafiosi

Ergastolo ostativo, Aiello: ''Indignata per decisione Avvocatura. Rischiamo di accogliere le richieste di Riina''

La Consulta decide sull'ergastolo ostativo: così brinda la mafia

Ergastolo e 41 bis: tra permessi premio e svuotamenti la mafia spera

Una ''dissociazione'' per la libertà, la strategia del boss Filippo Graviano

Il neo-ministro Cartabia e quella allarmante pronuncia della Consulta su ergastolo ostativo

Eliminare l'ergastolo ostativo significa arrendersi alla mafia

Ergastolo ostativo, la Cedu rigetta il ricorso dell'Italia

La Corte Ue e l'ergastolo ostativo: a rischio anche il 41 bis

Ergastolo ostativo, Caselli: ''Resti 41 bis, evitiamo che mafiosi riprendano armi''

La decisione della Corte europea che rischia di far felici mafiosi e terroristi

Sebastiano Ardita: ''L'abolizione dell'ergastolo ostativo significherebbe il ritorno dei boss irriducibili''

Grillo: caduta, inganno e tradimento del padre dei Cinque Stelle

L'arroganza del potere
Il fallimento nella lotta alla mafia del ministro Bonafede


E la mafia?

Ergastolo ostativo: da cosa nasce e perché non va abolito


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy