Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Mia figlia chiede perché le hanno sparato"

"Negli ultimi tempi me lo chiede tutti i giorni. Mentre giochiamo mi rivolge sempre la stessa domanda: 'mamma perché il cattivo ha sparato proprio a me?' Ed io mi sento spiazzata, non è facile trovare le parole, le dico che non voleva colpire lei, bensì un altro cattivo come lui. Ma non può comprendere le dinamiche di un agguato". Sono parole disarmanti quelle di Tania, mamma della piccola Noemi, la bambina che venne colpita da un proiettile vagante nel corso di un agguato di Camorra, rilasciate al quotidiano 'La Repubblica' a quasi due anni dalla sparatoria di Napoli (era il 3 maggio 2019). "All'inizio era come se avesse rimosso - ha raccontato la donna - la psicologa ci ha detto fosse normale. Poi ha iniziato a fare domande. All'inizio le dicevo che si era fatta male in una brutta caduta, ma a scuola, una volta, un compagno di classe le disse 'tu non sei caduta, ti hanno sparato' e voleva vedere le immagini della sparatoria. Ci siamo consultati con la psicologa e abbiamo capito che la verità, anche la più dolorosa, non poteva essere più nascosta. Come ha reagito Noemi? E' rimasta un po' in silenzio - ha aggiunto la madre - poi mi ha detto 'ma guarda questo, ma non si fa, sparare a una bambina...'. Non abbiamo mai chiesto vendetta, ma solo giustizia per nostra figlia".

ARTICOLI CORRELATI

Agguato Napoli: fermato il killer Armando Del Re e il fratello Antonio

Forza piccola Noemi da parte di tutti gli amici di Libera

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy