Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
"L'arresto di Elvira Zagaria non è un arresto come gli altri: la sua cattura significa che il clan dei casalesi e vivo e vegeto". E’ quanto ha detto il sostituto procuratore generale, Catello Maresca, riguardo l’arresto della sorella del superboss del clan dei Casalesi, Michele Zagaria. Elvira Zagaria è stata prelevata dalla Polizia di Stato e dalla Guardia di Finanza nella sua villa in provincia di Frosinone dove, malgrado fosse ai domiciliari dove, sembra tenessi anche incontri con esponenti di spicco della mafia casalese. "Quanto accaduto - ha sostenuto il magistrato - dimostra che l'opportunità che i mafiosi hanno di ritornare, anche se agli arresti domiciliari, nelle loro case, viene sfruttata sistematicamente per riattivare rapporti e relazioni criminali. I mafiosi sfruttano i favori concessi dalle leggi dello Stato per andare contro lo Stato". “La comunicazione, per le mafie, - ha aggiunto il pm antimafia - è vitale quanto la disponibilità di soldi di armi: se un clan non riesce a comunicare è sconfitto. Proprio per questo interrompere il flusso di notizie è, e deve continuare ad essere, l'obiettivo principale della lotta alle mafie. Non so quanti commenteranno l'arresto di Elvira Zagaria. Io spero siano in molti perché proprio questo sarà il metro dell'interesse e della volontà dello Stato di continuare con la battaglia antimafia". "Di segnali di una ripresa, forte, delle organizzazioni mafiose nel nostro Paese sono già più che evidenti" ha concluso Maresca.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy