Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Beni mobili ed immobili per un valore complessivo di 3,5 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria ad un imprenditore reggino attivo nel settore del commercio carburanti coinvolto nell'operazione "Andrea Doria". Il provvedimento, emesso dalla sezione Misure di Prevenzione del Tribunale, è stato eseguito con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia reggina. Trovato e sequestrato anche denaro contante per oltre due milioni di euro, suddiviso in mazzette contenute in valigie nascoste in un garage. La figura criminale del destinatario della misura era emersa nell'ambito dell'operazione "Andrea Doria", troncone dell'inchiesta "Petrolmafie spa", condotta dalla Guardia di Finanza a contrasto dell'infiltrazione della 'Ndrangheta nell'economia legale, che avrebbe permesso di scoprire l'esistenza di una struttura organizzata, attiva nel commercio di prodotti petroliferi, dotata di un meccanismo attuato con lo scopo di evadere le imposte attraverso l'emissione e l'improprio utilizzo delle cosiddette "dichiarazioni di Intento". In particolare, con la direzione strategica di un commercialista campano e la compiacenza di soggetti esercenti depositi fiscali e commerciali ubicati in Calabria e Puglia, le organizzazioni criminali avrebbero realizzato il controllo dell'intera filiera della distribuzione del prodotto petrolifero, dal deposito fiscale ai distributori stradali. In quella circostanza, l'imprenditore era stato rinviato a giudizio per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti contro il patrimonio, trasferimento fraudolento di valori aggravato dalla finalità di agevolare la 'Ndrangheta e, in particolare, la cosca Labate di Reggio Calabria. L'attività di indagine è stata indirizzata alla ricostruzione delle acquisizioni patrimoniali effettuate dall'anno 2000 all'anno 2020, verificando disponibilità decisamente sproporzionate rispetto alla capacità reddituale. I sigilli sono stati apposti a tre società di capitali, quote di un'ulteriore società, 1 fabbricato, 2 terreni, beni mobili, rapporti bancari e finanziari e relative disponibilità.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy