Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

C'è un nuovo pentito di 'Ndrangheta nel vibonese. Ad iniziare a collaborare con la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, nel gennaio scorso, è stato Antonio Guastalegname, di 54 anni, di Vibo Valentia Marina, già noto alle forze dell'ordine e imputato nel maxiprocesso "Rinascita-Scott", in cui è accusato di aver trafficato droga che arrivava dal Brasile e dall'Albania, dal sud al Nord Italia, in Piemonte. Ed è proprio in tale procedimento che nei giorni scorsi sono stati depositati i primi verbali del suo percorso con la giustizia. Lo scorso anno è stato condannato per l'omicidio, commesso in concorso con altri soggetti, del titolare di una tabaccheria di Castello d'Annone, piccolo centro della provincia di Asti, riportando in Appello una condanna a 30 anni di reclusione. E in questo borgo piemontese, Guastalegname vi si era trasferito avviando un'attività imprenditoriale. Nel processo per l'omicidio di Manuel Bacco, avvenuto il 19 dicembre del 2014, erano imputati anche il figlio di Guastalegname, Domenico, di 28 anni, Giuseppe Antonio Piccolo (29), di Nicotera, Fabio Fernicola (43), di Asti, Jacopo Chiesi (28), di Castello d'Annone. Nei verbali, il collaboratore ha dichiarato di non essere affiliato alla 'Ndrangheta aggiungendo, tuttavia, di avere contatti con presunti esponenti della criminalità organizzata vibonese, in particolare con Nazzareno Colace, ritenuto legato alla cosca dei Mancuso, Giuseppe Antonio Piccolo, Totò Prenesti, Peppone Accorinti, Saverio Raionale, Antonio Vacatello e Nino Accorinti. Le sue rivelazioni si concentrano soprattutto su presunti traffici di droga che avrebbero avuto come destinatari anche un gruppo della tifoseria organizzata della Juventus, in particolare soggetti appartenenti al gruppo "Drughi", con la volontà di "Colace - ha detto - di inserirsi nella vendita di stupefacente all'interno dello stadio della società bianconera". Circostanza che "però non andò in porto per l'arresto di 'omissis' e dello stesso Colace".

Fonte: ANSA

ARTICOLI CORRELATI

Rinascita-Scott: il ''Maxi processo'' alla 'Ndrangheta

Rinascita Scott, rito abbreviato: 70 condanne e 19 assoluzioni. Gratteri: ''Riconosciuto 416 bis''

Rinascita-Scott, pentito Arena: ''Prima di Gratteri la massoneria deviata arrivava dappertutto''

Rinascita Scott, pentito Arena: ''A Vibo esistono poteri più forti della 'Ndrangheta''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy