Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Corte d'Appello di Reggio Calabria ha assolto dall'accusa di associazione mafiosa, "perché il fatto non sussiste", l'ex consigliere regionale Cosimo Cherubino, uno dei principali imputati del Processo "Falsa politica" nato da un'inchiesta della Dda di Reggio Calabria contro la cosca Commisso di Siderno. Arrestato nel 2012 e trascorsi 4 anni in carcere, nel 2016, in primo grado, Cherubino era stato condannato a 12 anni dal Tribunale di Locri. Secondo l'accusa, la cosca Commisso controllava l'amministrazione comunale di Siderno. Per i pm, i politici, per candidarsi, avrebbero dovuto chiedere l'autorizzazione del boss Giuseppe Commisso, detto "il mastro". Ex Nuovo Psi, poi passato al Popolo della Libertà, Cherubino era accusato non solo di essere stato appoggiato alle regionali del 2010 dalla 'ndrangheta ma di averne fatto parte. Con il politico sono stati assolti Domenico Commisso e Rocco Tavernese mentre è stato condannato a 9 anni Damiano Rocco Tavernese. Inoltre la Corte ha disposto il non luogo a procedere nei confronti di Giovanni Verbeni nel frattempo deceduto.

Foto: it.depositphotos.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy