Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ieri "nel cosentino - ha dichiarato il Presidente della Commissione parlamentare antimafia Nicola Morra - v'è stata una nuova operazione della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro in collaborazione con la Questura di Cosenza, grazie anche ad una strategia investigativa avviata dalla Direzione Centrale Anticrimine, che ha portato alla confisca di beni, assetti societari e rapporti finanziari per un valore di circa 22 milioni di euro riconducibili ad un imprenditore calabrese operante nell'area dell'alto ionio cosentino, nel cassanese e nella Sibaritide ma anche con interessi nella città di Roma e zone limitrofe. In questa operazione - ha puntualizzato il presidente dell'antimafia - si cristallizza nuovamente come la mafia sia capace di infiltrare diversi territori e settori commerciali rendendo queste operazioni ancora più importanti e necessarie per i territori coinvolti. Infatti andando a studiare le aziende sequestrate in via cautelare - spiega Morra - ci si può rendere conto che si occupavano di raccolta, stoccaggio, trasformazione e smaltimento di rifiuti, edilizia specializzata, torrefazione, trasformazione e commercializzazione, all'ingrosso e al dettaglio, di caffè e prodotti affini, supermercati, compravendita immobiliare, servizi pubblicitari e marketing, compravendita e noleggio di autovetture e veicoli in generale e da corsa, produzione di birra artigianale con somministrazione e ristorazione, costruzioni di edifici residenziali e non, trasporto di merci su strada, fino ad arrivare a fare affari con la pubblica amministrazione grazie alle assunzione di appalti pubblici e privati per la progettazione e costruzione di opere, fabbricazione e messa in opera di prodotti bituminosi". "Tutti questi ambiti d'interesse in cui si sarebbe infiltrata la mafia avrebbero prodotto all'imprenditore numerosi veicoli industriali ed auto di grossa cilindrata, nonché una villa di ben 400 mq. Qualora venissero confermate tutte le accuse ed i conseguenti sequestri i beni - conclude Morra - dovranno tornare nelle mani dello Stato prima possibile ed essere restituiti ai cittadini, unici reali beneficiari del maltolto". Il procedimento di prevenzione, volto alla verifica della sussistenza dei presupposti per l'applicazione della misura di prevenzione personale e patrimoniale, è ancora in corso.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta: confiscati beni per 22 mln a imprenditore ritenuto vicino alle cosche

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy