Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Non si ravvisano (...) elementi da cui desumere il contenuto degli impegni assunti" dall'ex sindaco di Lonate Pozzolo (Varese) Danilo Rivolta "a favore dell'associazione mafiosa, nonchè la loro efficacia causale e la concreta incidenza sulle capacità operative" dell'organizzazione locale. Così ha scritto il gup di Milano Tiziana Gueli, nelle motivazioni con cui ha mandato assolto l'ex primo cittadino del paese nel varesotto, difeso dall'avvocato Jacopo Pensa, e i suoi quattro coimputati, tra cui l'ex coordinatore lombardo dei Cristiano Democratici Peppino Falvo, processati con rito abbreviato per un capitolo dell'indagine 'Krimisa' che riguardava un'ipotesi di presunto voto di scambio. Secondo gli inquirenti Rivolta avrebbe vinto con il centrodestra le elezioni amministrative con 300 voti della 'Ndrangheta, in cambio di un assessorato a una persona 'gradita' alla cosca. Una accusa ora ribaltata. Non è escluso un nuovo round processuale con il ricorso della Procura contro la sentenza di assoluzione. Per il giudice infatti, non solo appare "chiaro, nonché provato per documenti, che il reato ipotizzato è stato consumato, al più tardi, nel marzo 2014 e comunque in ogni caso in data antecedente il 18 aprile 2014" e quindi, all'entrata in vigore della modifica di legge relativa al voto di scambio, ma sottolinea un altro aspetto che ha portato a scagionare tutti gli imputati. Tra i quali, Cataldo Cassoppero, "l'unico ad avere a carico una sentenza di condanna per appartenenza ad associazione mafiosa, individuata nella locale" della stessa Lonate Pozzolo, non ha un giudizio definitivo, ma solo una conferma in fase di appello, e comunque la sua appartenenza alla consorteria mafiosa "attiene al periodo successivo ai fatti" contestati a Rivolta e presunti complici, "collocati nel febbraio-marzo 2014". Inoltre "nessun altro degli imputati risulta essere oggetto di accertamento giudiziario - sostiene il giudice - per appartenenza all'associazione mafiosa" e infine "non è emerso un collegamento con ulteriori esponenti, già dichiarati tali in sentenze definitive, della locale di 'Ndrangheta".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta: voto scambio nel Varesotto; tutti assolti

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy